logo


  1. Marco Spampinato Rispondi
    La logica emergenziale è costruita ad hoc, altro che obiettivi troppo ambiziosi e poco concreti. Si ripete, ad ogni ciclo di programmazione, questo andazzo; e la preoccupazione principale diventa, già a metà ciclo di programmazione, 'non perdere le risorse'. Sono solo vecchie o nuove emergenze a dare opportunità di riprogrammare, magari finanziando vecchi strumenti (es. la 'mobilità' dei lavoratori). Capitalizzando su elementi di esperienza diretta, invertirei del tutto logica ed enfasi sulle cause. Le due cause principali di questo eterno ritardo sono (1) la completa assenza di ambizioni e (2) la totale sottovalutazione del processo di programmazione. L'Italia parte sempre con uno o due anni di ritardo almeno, non fa vere valutazioni ex ante, se non in modo 'formale' (per adempimenti dell'ultimo minuto); propone così rapportini con analisi di contesto molto standard che non comprendono i processi e non introducono alcun senso di sfida all'esistente. Da questa drammatica assenza di determinazione e intelligenza applicata nascono molti indicatori, ispirati dal non troppo malcelato scopo di 'riempire buchi' nei documenti di programmazione. Con questa mentalità si può funzionare solo così, attendendo l'occasione di volta in volta per dirottare risorse su qualche emergenza o, come qui suggerisce l'articolo, su qualche nuova politica del governo. Non sarà però facile dirottare risorse che avrebbero dovuto andare alla 'scuola' verso centri per l'impiego. Non è vero INVALSI?
  2. Cristiano Paolini Rispondi
    Ringrazio gli autori dell'articolo per aver focalizzato l'attenzione su questa situazione così assurda. Personalmente non saprei dare una valutazione all'utilità in generale di queste risorse (sono tante?, sono poche?), ma sapere che esiste un ammontare stanziato, che non viene utilizzato, in un periodo in cui le risorse economiche sono così difficili da reperire è davvero un delitto. Penso che se ognuno di noi avesse a disposizione una quantità di risorse da utilizzare non se lo farebbe ripetere. Impossibile per me capire come tale evenienza sia possibile.