Lavoce.info

Bersani e la spesa pubblica al netto delle pensioni

Pierluigi Bersani, Ballarò (Rai 3), 15 gennaio:
“La spesa pubblica, al netto di interessi e pensioni, è bassa” 

VERO

 

Al di là delle considerazioni qualitative sull’affermazione (ricordiamoci l’ormai famoso mantra su twitter per cui anche la carbonara, al netto di uovo e pancetta, è pasta in bianco), Bersani non ha tutti i torti. Al netto di pensioni e interessi sul debito, la spesa pubblica italiana è  32,5% del PIL, la più bassa fra i paesi dell’Unione Europea, mentre la spesa pubblica effettiva è di oltre il 50% del PIL.

Screen Shot 2013-01-18 at 16.30.26Screen Shot 2013-01-18 at 16.31.17
Fonte dati: Eurostat

*in collaborazione con Checkmate e Link Tank

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

La legge di stabilità tra Governo e Parlamento

Successivo

Alfano: dal 2008 al 2011 le tasse non sono aumentate

  1. Leonardo

    Una nota, il dato dell’Irlanda è fuorviante. Se non sbaglio sono i dati del 2010 giusto? L’Irlanda si è trovata in mezzo ad un grave dissesto bancario con la nazionalizzazione dei principali istituti; quindi per rendere giustizia bisognerebbe epurare anche gli interventi straordinari. Infatti fino al 2007 la spesa totale era nell’ordine del 36,8% e dopo il picco del 2010 (66,1%) nel 2011 è calata fino al 48,1%, manca da vedere dove si piazzerà nel 2012.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén