logo


  1. Pietro Brogi Rispondi
    La riduzione del carico fiscale sul lavoro dovrebbe partire da quella fiscalità che è veramente penalizzante sul lavoro e non correlata al reddito che è l'imposta sul valore aggiunto (IVA o VAT per dirlo all'europea). Si tratta semplicemente di escludere la porzione del lavoro dalla stessa tassa (Labour free), ripartendo la fiscalità persa sulla porzione consumistica (Materie prime, Energia, Smaltimento.....). Ci fosse qualche straccio di economista che appoggi questa proposta che ha una valenza strategica o che almeno la valuti spiegandomi l'errore che faccio nel sostenerla ormai da una ventina di anni! Capisco la necessità di valutare bene la formula attuativa ma credo che il principio sia inconfutabile. Se ci riesco preparerò un articolo completo con dei dati e delle possibili linee guida attuative.