Lavoce.info

Le migrazioni dall’Africa si fermano creando opportunità

Non basta concedere fondi ad alcuni stati africani per fermare l’immigrazione irregolare. È una politica che potrebbe persino rafforzare i trafficanti di uomini se non è accompagnata dalla creazione di opportunità economiche alternative per i migranti.

L’accordo contro l’immigrazione irregolare

Il recente vertice di Parigi fra i principali paesi europei e tre stati africani (Libia, Ciad e Niger) ha sancito il nuovo approccio alle migrazioni internazionali che prevede una stretta “cooperazione con i paesi di origine”. Questa si basa essenzialmente sul contrasto dell’immigrazione irregolare, in primo luogo attraverso le misure messe in atto dal governo italiano (gli accordi con la Guardia costiera libica e il codice di condotta per le Ong) per controllare i flussi lungo la rotta del Mediterraneo centrale. Comprende inoltre il sostegno a Ciad e Niger – paesi di transito – per il rafforzamento dei controlli delle loro frontiere verso Nord.

Concretamente, gli accordi si basano sull’uso dei fondi del Trust Fund dell’UE per l’Africa, il fondo fiduciario di poco più di 3 miliardi di euro stanziato nel 2015 per sostenere lo sviluppo economico in Africa e affrontare le cause profonde dell’emigrazione.

Non c’è chiarezza sull’allocazione dei fondi ai governi africani, ma sembra che le uniche condizioni imposte siano legate al contrasto dell’immigrazione illegale e alla lotta ai trafficanti di uomini. Leggi e sistemi di controllo che mirano a bloccare in modo diretto un’attività criminale o un mercato illecito in economie arretrate, però, possono avere effetti collaterali indesiderati o essere controproducenti.

Il paradosso del lavoro minorile

Un esempio emblematico dei paradossi delle politiche di sviluppo è dato dai tentativi di ridurre il lavoro minorile nei paesi poveri. Qualche anno fa c’è stato un acceso dibattito sull’opportunità o meno di applicare leggi internazionali e nazionali che lo vietassero. Nessuno può dirsi favorevole al lavoro dei minori, ma diversi studi hanno mostrato che l’inasprimento delle leggi contro il fenomeno può avere effetti negativi sulla popolazione povera o addirittura aumentarne la dimensione. Il problema sta nelle alternative che i bambini hanno in quei contesti, che possono essere anche peggiori del lavoro. In più leggi come queste, tra l’altro difficilmente applicabili, possono avere conseguenze molto negative sul mercato del lavoro nei paesi poveri: il pericolo di incappare in sanzioni legali per lavoro minorile, infatti, induce gli imprenditori ad assumere comunque i bambini, pagandoli però ancora meno.

Leggi anche:  L’accoglienza made in Italy è low-cost

Esempi di fallimento di politiche di sviluppo che hanno effetti opposti a quelli che si prefiggono sono molteplici in contesti poveri. Nel caso dei flussi migratori, e in particolare del mercato dei migranti che ne è scaturito, nessuno può dirsi favorevole al fenomeno dei barconi e alla strage di vite umane che si consuma nel Mediterraneo. Politiche mirate a bloccare in modo diretto questo mercato, però, potrebbero rafforzare, invece di indebolire, i trafficanti di uomini se non sono accompagnate dalla creazione di opportunità economiche alternative per i migranti. In assenza di tali politiche, si corre il rischio non solo di lasciare migliaia di persone in balia di organizzazioni che non si rispettano i diritti umani, ma, da un punto di vista economico, di lasciare che masse di lavoratori giovani e produttivi vengano assorbiti dalla categoria degli inattivi o impiegati da settori informali, illeciti o criminali (con ripercussioni negative sul loro salario, sullo sviluppo e sulla pressione migratoria).

L’Africa ha vissuto un significativo aumento dei livelli di istruzione negli ultimi anni – favorito anche da elevati investimenti internazionali e multilaterali sotto forma di aiuti allo sviluppo – non accompagnato però da un cambiamento strutturale e da un aumento della produttività. Milioni di giovani africani sono, quindi, relativamente istruiti, ma senza (la prospettiva di) un’occupazione decente (figura 1 – fonte: African Economic Outlook 2017).

È necessario che la “cooperazione con i paesi di origine” comprenda fin da subito sia opportunità di emigrazione regolare sia alternative produttive in Africa. È diffusa una visione “romantica” dello sviluppo economico che lo confonde sistematicamente con gli aiuti umanitari oppure adotta una concezione paternalistica. In realtà, le condizioni imposte sui fondi concessi ai paesi africani e le opportunità di migrazione regolare in Europa determineranno effettivamente l’evoluzione del mercato dei migranti e le opportunità di crescita economica nei prossimi anni.

Figura 1

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Turchia-Ue, un patto pagato dai profughi. E dalla stessa Ue*

Precedente

Perché cresce il numero dei nuovi italiani

Successivo

Università: qual è il vero vantaggio del test di ingresso

  1. Dario Micchi

    Nell’articolo non si fa il minimo cenno alla necessità di un stretto controllo delle nascite in tutta l’Africa. Nessun programma di sviluppo, nessun aiuto possibile sarà sufficiente se la popolazione dell’Africa aumenterà, specie a questo ritmo. Ogni sforzo deve essere fatto per stabilizzare (meglio diminuire) la popolazione Africana. L’emigrazione regolare o irregolare non sarà mai sufficiente a far si che la situazione economica migliori. Stupisce questo assoluto silenzio sul controllo delle nascite da parte di persone istruite, che dovrebbero essere conscie del problema!

  2. Savino

    Il fenomeno si fermerà solo nel momento in cui non ci saranno più sfruttamento e speculazione dietro l’illusione di una vita migliore e quando comincerà a prevalere, nella nostra società, l’applicazione vera e concreta della legalità.

  3. giancarlo

    Spesso vivo in Senegal. Da anni. Trovo quanto sostenuto da Mendola del tutto condivisibile. Data la sua competenza mi aspettavo qualche approfondimento in tema di imprenditorialità. Difficile creare lavoro VERO senza imprese VERE. Se a fare impresa (semmai con sostegni finanziari europei) sono le solite famiglie politico-religiose che strangolano da decenni molte delle economie africane….faremo un altro buco nell’acqua.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén