Lavoce.info

Una buona legge sulle crisi d’impresa

Una norma sulle crisi di impresa, varata dal Governo, consente all’imprenditore di elaborare, sotto la vigilanza del tribunale, soluzioni per tutelare l’interesse dei creditori e mantenere i valori aziendali. Razionalizza accordi stragiudiziali e piani di risanamento.

LEGGE FALLIMENTARE

Per promuovere l’emersione anticipata dalla crisi e il mantenimento della continuità aziendale, si è introdotta la facoltà di accedere immediatamente alle protezioni previste dalla legge fallimentare (senza la necessità di produrre contestualmente tutta la documentazione finora richiesta), potendo così ottenere fin da subito finanziamenti urgenti in regime di pre-deduzione e di esenzione dai reati penali di bancarotta e di concessione illecita del credito. Si è poi razionalizzata la disciplina degli accordi stragiudiziali e dei piani di risanamento, rafforzandone la qualità e limitandone possibili abusi.
La normativa consente all’imprenditore di elaborare, sotto la vigilanza del tribunale, soluzioni che tutelino l’interesse dei creditori e mantengano i valori aziendali. Si tratta di funzioni che leggi di altri paesi (Francia, Regno Unito, Germania) consentono già da anni, e che appaiono essenziali nel momento attuale di crisi economica, nella quale i posti di lavoro perduti vengono ricreati con difficoltà e lo spazio lasciato libero da un’impresa italiana viene spesso occupato da imprese estere, con complessivo impoverimento del paese.

Autovalutazione del Governo in materia fallimentare

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Disimpegno sulla casa

Successivo

La campagna elettorale del déjà vu

  1. Piero

    La legge sul concordato di ispirazione americana, in Italia non è’ applicabile, perché nessun creditore e’ disponibile a concedere credito in tale situazione, la legge non ha dato e non darà gli effetti sperati, sarà semplicemente un modo per frenare i creditori ed allungare la riscossione del credito ma mai vi sarà la salvaguardia dell’azienda.
    Se Monti voleva fare qualcosa i buono doveva dare la garanzia statale alle imprese meritevoli di salvaguardia per i finanziamenti concessi dalle banche durante il concordato, infine dei conti ha dato la garanzia statale alle banche per il collaterale dato ala Bce per il prestito all’1% che la Bce ha concesso alle banche (1000 miliardi in Europa).

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén