logo


Rispondi a giancarlo Annulla risposta

1500

  1. Roberto Bellei Rispondi
    Visto che il Dott. Stuppini ha studiato il fenomeno conosce per caso il numero di "migranti" che non hanno diritto all'asilo che sono stati fisicamente imbarcati su un aereo e sbarcati nel Paese di provenienza negli anni 2014, 2015 e 2016 (9 mesi)?
  2. giancarlo Rispondi
    Sono anni che leggo amenità di vario genere su come limitare le migrazioni africane. I fondi della Cooperazione vengono regolarmente depredati. Lo sanno anche i muri ! Stuppini si informi su cosa hanno prodotto i 30 (!) milioni di € erogati da PLASEPRI al Senegal dal governo italiano. E su come l'ambasciata li ha gestiti. Gli RVA sono un sussidio alla famiglia del rimpatriato. In Senegal ci vivo: se non si sconfigge il blocco politico-religioso che strangola ogni libertà, tu puoi buttare miliardi. Finiranno nei conti "clandestini" dei vari soggetti al potere.Avete idea di quanto siano ricchi certi maraboutes? Conakry è la stessa roba e anche, se non peggio, il Gambia. Servono persone oneste e capaci che diano assistenza tecnica ai giovani che vogliono fare impresa nel loro paese. Europei onesti e capaci.
  3. raffaele principe Rispondi
    Sarei tentato di dire: troppo intelligente e semplice per diventare un'azione strategica per l'UE. E' chiaro che finchè si tratta l'Africa, in particolare come continente da saccheggiare, i flussi non potranno che essere questi che leggiamo tutti i giorni. Allora o rendiamo queste popolazioni partecipi del nostro benessere, oppure arriveranno in Europa con qualsiasi mezzo e a qualsiasi prezzo. Perchè nell'ultimo secolo l'occidente ha devastato culture e saperi ancestrali, organizzazioni sociali, tecniche colturali e artigiani, modelli abitative, spingendo milioni di cittadini verso le città, nate già come bidonville, ma con i nuovi media che danno loro, soprattutto ai giovani senza radici, l'illusione che il benessere è a portata di mano, che in fondo bisogna solo auto invitarsi. Naturalmente non è così, perchè qui li attende la parte del mondo opaca che, appunto internet e televisioni non illuminano.