logo


  1. Michele Rispondi
    Il risanamento e il rilancio di banche della dimensione di quelle dove è intervenuto (o interverrà) Atlante è impensabile che avvenga in breve tempo. Affermarlo vuol dire far finta di non sapere come funziona una banca. Specialmente nelle condizioni di mercato attuale. Occorre tempo, capacità manageriali e un ciclo economico favorevole. Tutto mi sembra invece vada nella direzione opposta. Poi che un rendimento del 6% sul capitale sia adeguato in funzione del rischio sopportato è una favola a cui tutti fingono di credere.
  2. Mario Rossi Rispondi
    infatti l'unica soluzione è ritirare tutti i soldi dalla banca, metterli in una bella valigia, recarsi in svizzera tanto nessuno ti guarda, acquistare una bella valigia di lingotti d'oro. Una volta a casa prendere una scatola in acciaio, mettervi i lingotti d'oro, sigillare con saldatura, fare una bella buca in giardino ed attendere la maturazione necessaria. Nascerà una bella pianta di frutti d'oro ahahahahahahahahahaha!
  3. Henri Schmit Rispondi
    Per i quotisti del fondo e la sgr si tratta di un'enorme scommessa. Speriamo bene. Se si sono effettivamente persi i depositi e i risparmi, le banche (con sofferenze eccessive e insufficientemente coperte) non valgono più niente. E matematico: mezzi propri insufficienti, depositi da sostituire con finanziamenti interbancari molto più onerosi, attivo sopravvalutato, sofferenze sottovalutate e non adeguatamente coperte. Bisognava intervenire quando c'erano ancora i depositi, quando c'era ancora un po' di fiducia. Chi doveva farlo? Quelli che fino a ieri ci hanno detto che il sistema è solido, cioè che i ristoranti sono pieni. Soprattutto le grosse banche, cioè i soci del fondo e della sgr, nel proprio interesse sistemico. Sono responsabili gli organi di vigilanza e queste banche (peraltro soci di maggioranza del principale organo di vigilanza nonché finanziatori delle banche locali) almeno quanto l'alta governance delle stesse banche. A che cosa serve la vigilanza, se questo può succedere? A chi risponde la vigilanza? L’unica soluzione netta è l’acquisto a valore zero del capitale pre-aumento di entrambe le banche da parte di un gruppo (relativamente) sano, cioè da parte dei primi quattro soci di Bankit. Se no, le conseguenze saranno peggiori per tutti.
  4. Mario Rossi Rispondi
    Fiducia è una parola grossa! come si fa ad avere fiducia in un sistema che pur con tutto quello che succede continua imperterrito a macinare debiti. Certo può anche essere giusto scongiurare crisi sistemiche ma di pari passo dovrebbe camminare una revisione della spesa pubblica pesante che metterà finalmente allo scoperto i milioni di parassiti che vivono trnquilli alle spalle del sistema produttivo e per causa dei quali lo stesso sistema deve pagare montagne di tasse che lo stanno affossando. Mi domando come si può mettere soldi in un sistema così ben sapendo che come in Grecia sono solo un palleativo per guadagnare tempo. Mi domando cosa stiamo aspettando! forse che il cerino possa essere lasciato in mano agli sprovveduti del 5 stelle? In grecia l'esperimento sta andando avanti ma avete visto in francia? occhio che tutti i popoli non sono uguali! nel 700 sono già state tagliate teste importanti!
  5. Luigi Vignaroli Rispondi
    La fiducia potrà tornare solo se coloro che hanno generato questa tragedia pagheranno veramente sia in termini patrimoniali e penali. Ad oggi quali le iniziative concrete in tal senso. Quanti sequestri cautelativi sono stati fatti? Quante azioni revocatorie sono state avviate nei confronti di coloro che si sono spogliati di tutti i loro averi?