L’arresto della Dama Nera dell’Anas, regista di mazzette e favori, rivela che la corruzione non è più un’arte ma una scienza (oscura) che gestisce rigorosamente tutte le fasi della realizzazione dell’opera pubblica. E così la discrezionalità dei funzionari si traduce in informazioni confidenziali e scelte arbitrarie vendute al miglior offerente.
Nella legge di Stabilità arrivata in Senato (di cui diamo – finalmente – i numeri definitivi) giù le tasse sulla prima casa e sulle imprese (per lo 0,25 del Pil) e riduzioni di spesa minori del previsto. Tra queste l’obbligo di rientro per le aziende sanitarie (ospedali, istituti di ricovero, Asl) che perdono soldi, mentre l’individuazione delle mele marce spetta alle regioni. Comunque, passi utili verso l’abbandono dei tagli lineari.
Quanto la manovra del governo potrà essere di sostegno all’economia dipende molto dalla possibilità di fare più deficit (fino a un punto in più rispetto all’1,4 previsto per il 2016) con l’attivazione delle clausole di flessibilità richieste a Bruxelles. Quella applicabile ai cofinanziamenti nazionali di progetti Ue dovrebbe valere, secondo una stima ottimistica del governo, circa 5 miliardi. Mentre il riconoscimento della “clausola migranti” consentirebbe l’anticipo di un anno della riduzione Ires inizialmente prevista per il 2017. È una delle misure pro-imprese nella “finanziaria” insieme alla revisione di Imu e Tasi sugli “imbullonati” e all’ammortamento maggiorato del 40 per cento per l’acquisto di nuovi beni strumentali. Un provvedimento, quest’ultimo, utile ma monco perché non fa valere la deduzione per gli acconti d’imposta 2015 e 2016.
È un ritorno a tempi bui la sentenza del Consiglio di stato che legittima la decisione del ministro dell’Interno di cancellare le trascrizioni dei matrimoni gay celebrati all’estero: dà ai prefetti un potere anacronistico e va contro la giurisprudenza italiana ed europea. Con lo zampino di un giudice di discutibile imparzialità.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!