Lavoce.info

Città metropolitane: dove trovare le risorse

Le città metropolitane sono appena nate e già devono affrontare molte difficoltà. Prima tra tutte la questione delle risorse. L’istituzione di imposte proprie sarebbe auspicabile, ma a sua volta apre il problema degli interventi compensativi a favore dei comuni limitrofi all’area metropolitana.

Città metropolitane senza fondi
L’istituzione delle città metropolitane rappresenta la prima riforma in linea con gli obiettivi e le strategie europee che identificano le città e le aree urbane come i luoghi chiave della crescita intelligente, dell’innovazione e della inclusività. Tuttavia in queste aree, per la più elevata densità demografica che le caratterizza, si concentrano anche gli squilibri territoriali più evidenti. Insieme alla necessità di rilanciare le politiche urbane, sono tutti elementi che sottolineano le potenzialità connesse all’istituzione di un livello territoriale di governo intermedio.
Se la fiducia nelle potenzialità intrinseche dei sistemi metropolitani è alta, si fa strada tuttavia una crescente preoccupazione legata alle risorse disponibili. Per la nuova istituzione l’avvio è infatti molto difficile a causa dei tagli di risorse e di personale indicati dalla Legge di stabilità per il 2015 e dalle altre normative vigenti.
A questo, si aggiungono poi i criteri adottati per distribuire i tagli, che penalizzano in modo particolare alcune città metropolitane, come quella fiorentina, in conseguenza della procedura utilizzata basata sull’incrocio della “capacità fiscali” con il “costo efficiente” delle funzioni fondamentali.
Nella tabella 1 si può vedere una stima dell’esito dell’applicazione di quel criterio, per quantificare le risorse che saranno teoricamente nella disponibilità delle città metropolitane.
Fonte: stime su dati Sose – ministero Economia e finanze
Schermata 2015-07-23 alle 13.37.31
Sulla base delle informazioni oggi disponibili, tutte le città metropolitane si troverebbero nella condizione di non poter garantire con le proprie entrate neanche lo svolgimento delle funzioni fondamentali attribuite. E il disavanzo risulterebbe particolarmente oneroso per le città di Firenze, Napoli, Genova e Reggio Calabria. Disavanzi che saranno poi ulteriormente aggravati dall’applicazione alle città metropolitane delle sanzioni per il mancato rispetto del patto di stabilità interno delle ex province. Anche se va ricordato che il decreto enti locali, approvato nei giorni scorsi dal Consiglio dei ministri, riduce notevolmente il peso delle sanzioni: dal 100 al 20 per cento dello sforamento.
Quanto al personale, dovrà diminuire del 30 per cento rispetto a quello delle ex-province, anche se è ragionevole ipotizzare che l’intervento riguarderà in via prioritaria le funzioni non fondamentali. Resta tuttavia evidente lo squilibrio tra risorse (economiche e umane) e funzioni da adempiere.
In più, una delle principali risorse finanziarie a disposizione dei nuovi enti (Rc-auto) è di fatto scarsamente incrementabile sia perché in alcuni casi sono stati già utilizzati gli spazi di manovra consentiti sia per l’effetto dumping conseguente all’eventuale aumento delle aliquote. Secondo alcune ipotesi, il ruolo di questa voce di entrata verrà ripensato: dovrebbe comunque rimanere nella disponibilità finanziaria delle città metropolitane, ma trasformarsi in una imposta statale.
Una nuova addizionale sugli imbarchi
In definitiva, per far quadrare i conti le città metropolitane si troveranno nella condizione di contenere le spese e quindi, di fatto, nell’impossibilità di svolgere il ruolo loro assegnato dal legislatore.
L’alternativa è potenziarne l’autonomia finanziaria attraverso l’istituzione di un tributo il cui gettito sia destinato, in parte o interamente, ai singoli enti. Sono state già avanzate diverse ipotesi: dalla rinegoziazione dei mutui, all’imposta sulle emissioni sonore degli aeromobili, ma tra le più accreditate c’è sicuramente quella relativa all’addizionale sui diritti di imbarco portuali e aeroportuali, la cui applicazione potrebbe consegnare alle città metropolitane circa 154 milioni di euro.
Schermata 2015-07-23 alle 13.38.51
Fonte: stime su dati Istat
L’imposta di imbarco può certo rappresentare una fonte di gettito da destinare allo sviluppo delle città metropolitane, ma non mancano le criticità. In primo luogo, aumenterebbe il livello di pressione fiscale complessivo, anche se si potrebbero prevedere forme di esclusione per la popolazione residente nelle singole città. Così come il nuovo tributo non dovrebbe riflettersi negativamente sulla dimensione dei flussi turistici.
In secondo luogo, l’imposta può aprire molte discussioni circa eventuali interventi compensativi a favore di comuni esterni alle città metropolitane, ma che hanno nel loro territorio aeroporti o porti importanti. Basta citare l’esempio di Pisa e Livorno che con l’introduzione della nuova addizionale contribuirebbero al gettito complessivo della città di Firenze e potrebbero aver diritto a una quota di quella entrata.

Leggi anche:  Gli ultimi tabù elettorali

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Vocecomics del 22 luglio

Successivo

Il nodo dell’avanzo primario tra Atene e i creditori

  1. Francesco

    Articolo molto interessante. Ho un unico dubbio: potreste spiegarmi gentilmente il perchè dell’enfasi su Firenze. Le Città metropolitane davvero “penalizzate” mi sembrano Napoli e Reggio Calabria, con “tagli” pressochè doppi rispetto a quelli di Firenze, Genova o Bari. Cordialità.

  2. la Città metropolitana di Milano, come prima la Provincia, non beneficia di trasferimenti che non possono quindi essere tagliati. Ha entrate tributarie autonome (270 milioni) che vengono saccheggiate dalla legge di stabilità 2015 che testualmente impone di versare allo Stato i risparmi obbligatori di spesa: si tratta di euro 144.217.520 per il 2015, euro 172.416.007 per l’anno 2016, euro 200.114.494 per l’anno 2017. basterebbe evitare questo scippo anticostituzionale prima ancora che ingegnarsi su altre strade. maggiori info su http://www.osservatorio.milano.it/le-mani-sulla-citta-metropolitana-mi/

  3. Luigi Oliveri

    Le città metropolitane nascono senza fondi, perchè hanno subito, per altro in misura minore, il prelievo forzoso imposto alle province dalla legge distavilità 2015, che porta tutti questi enti verso il dissesto. La riforma, a detta dei vari sostenitori, doveva far ridurre la spesa pubblica e le tasse. Sembra paradossale sostenere l’opportunità di istituire balzelli medievali, per finanziare le città metropolitane che istiruite come da legge Delrio sono solo province con pochissimi ed ininfluenti poteri in più.

    • bob

      ..vogliamo parlarci franchi? Città metropolitane: gioco delle 3 carte!!

  4. Fernando Ferrari

    Ritengo che serva più coraggio: a mio parere la città metropolitana dovrebbe essere il nuovo Comune, e i consigli comunali inclusi dovrebbero decadere.

  5. bob

    “Città metropolitane: dove trovare le risorse”. Aggiungo: portando i livelli di amministrazione a 3 soggetti: Stato, Regioni accorpate, 3000 Comuni, 3 città metropolitane Roma Milano Napoli

  6. Andrea M

    Quello che stiamo provando a dire a queste ricercatrici è che non è più possibile creare nuovi enti e quindi nuove tasse per pagarli: prima si riducano le società partecipate, gli ATO e tutti gli altri Enti che dovevano essre eliminati con la riforma Delrio, si applichino per regioni e comuni i costi standard e le medie standard di personale: comuni di 1000 abitanti in Sicilia con 100 dipendenti e stendiamo un velo pietoso sulla regione e i suoi dirigenti, poi “L’istituzione delle città metropolitane rappresenta la prima riforma in linea ecc ..”

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén