Lavoce.info

Italia-Usa, l’economia al vertice

Alla Casa Bianca Renzi parla anche d’investimenti. Le multinazionali americane sono i più grandi investitori esteri in Italia, benché in calo negli ultimi anni. Nel resto d’Europa invece hanno continuato a creare posti di lavoro. Aumentano i lavoratori americani che hanno un padrone tricolore.
Gli americani in Italia
Quella di oggi 17 aprile 2015 è la prima visita ufficiale di Matteo Renzi alla Casa Bianca. Con Barack Obama, il presidente del Consiglio discuterà di politica internazionale, soprattutto le crisi in Libia e in Ucraina e la lotta al terrorismo, nonché dell’economia europea e della Transatlantic trade and investment partnership (Ttip). Ma sicuramente anche le relazioni economiche tra i due paesi fanno parte dell’agenda dell’incontro.
Come i suoi predecessori, e probabilmente con maggiore legittimità, Renzi vuole rassicurare Washington e la business community americana che l’Italia è un paese dove vale la pena investire, tanto più adesso che il dollaro è forte.
Del resto, secondo le più recenti statistiche Istat sulla struttura e le attività delle multinazionali estere in Italia, nel 2012, gli Stati Uniti erano il paese con il maggiore numero d’imprese (2.214 su 13.328) e di addetti (oltre 263mila su un totale di circa 1,2 milioni). Attivano il 23 per cento del valore aggiunto delle multinazionali estere presenti in Italia – più che Francia (17,4 per cento) e Germania (12,6 per cento).
Però la crisi ha avuto pesanti effetti, secondo l’inchiesta annuale del Bureau of Economic Analysis (Bea). Dal 2007 al 2012 sono sì aumentate le filiali italiane di multinazionali americane con almeno 25milioni di dollari di giro d’affari – di sei unità, non molto rispetto all’incremento di 711 registrato in Europa – ma in compenso l’occupazione si è contratta nello stesso periodo da quasi 214mila unità (2009) a poco più di 207mila (2012).
È anche interessante notare come siano diminuite le spese in ricerca e sviluppo (di 106milioni di dollari), mentre ha continuato a crescere il monte-salari – come nel Regno Unito, dove in compenso l’occupazione è cresciuta di ben 45mila unità.
Se l’Italia ha perso terreno rispetto al resto dell’Europa – dove le multinazionali americane hanno registrato un saldo netto di 55mila posti di lavoro e di 26 miliardi di dollari di valore aggiunto – cosa ci dice la composizione per settori? Anche se nel manifatturiero si concentra la maggior parte dell’occupazione americana in Italia con il 44 per cento – in linea con il valore complessivo per l’Europa – il dato è tuttavia molto più basso che in Germania (56 per cento).
Non disponiamo di sufficienti dati per provarlo, ma è probabile che contribuisca a questo risultato deludente il tanto spesso citato nanismo del capitalismo italiano, che offre poche opportunità a gruppi stranieri interessati a far shopping in Italia per valorizzare specifici marchi e competenze.
Indici assai grezzi (vendite e valore aggiunto per addetto) confermano l’esistenza di un notevole gap di produttività rispetto alla media UE. Un esercizio altrettanto rozzo mostra anche cosa sarebbe successo se la performance italiana fosse stata allo stesso livello UE: nel 2012 il valore aggiunto prodotto dalle multinazionali americane in Italia sarebbe stato più alto di 2,5miliardi di dollari. Se oltretutto l’occupazione fosse rimasta al livello del 2009, l’impatto sarebbe stato positivo per 3,5miliardi di dollari – che sono pur sempre un “tesoretto” da due punti decimali di Pil.
Qualche luce peraltro sorge all’orizzonte, come il nuovo stabilimento della Philips Morris a Crespellano, nel Bolognese.
Il boom degli investimenti in Usa
In compenso negli ultimi anni c’è stato un vero e proprio boom degli investimenti italiani oltreoceano, dove sono attive 2.066 imprese. Sempre nel 2012 – cioè prima della nascita di Fiat Chrysler Automobiles – gli Stati Uniti erano il principale paese di localizzazione per le attività industriali (quasi 124mila addetti, rispetto a oltre 89mila in Romania), così come per la fornitura di servizi (circa 102mila, quando in Germania sono meno di 74mila).
Per quanto riguarda le caratteristiche di queste multinazionali, non disponiamo d’informazioni Istat per gli Stati Uniti, ma solo per il Nord America. Su questa base si evince che le filiali d’imprese italiane tendono a concentrarsi molto di più sull’automotive (sia fabbricazione sia, soprattutto, commercializzazione) rispetto a quanto avvenga in Europa; mentre al contrario sono poco presenti nei settori del made in Italy tradizionale, come abbigliamento e tessile, che invece pesano molto tra le filiali a controllo nazionale in Europa.
Le statistiche americane per il 2012 consentono una disamina ulteriore e rivelano un dato sorprendente. Secondo il Bea, il numero di addetti è superiore, quasi 134mila, che per l’Istat, ma l’Italia è ovviamente superata – e di molto – da Regno Unito, Germania, Francia, Svizzera e Olanda, ma anche da Svezia e Irlanda. In compenso, l’aumento dal 2007 è stato impetuoso: più 50mila addetti, pressoché la stessa cifra dei posti di lavoro che le imprese francesi hanno invece lasciato negli Stati Uniti a seguito di vari disinvestimenti.
Una situazione, insomma, interessante per il vertice odierno, che dimostra la ricchezza dei legami capitalistici che uniscono le due economie, l’identico sforzo politico per attrarre investimenti esteri e manageriale, per cercare opportunità e la possibile convergenza d’interessi per concludere il Ttip nei prossimi mesi, con le dovute salvaguardie per garantire tutta la trasparenza necessaria.
L’articolo è disponibile anche su www.tvsvizzera.it

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Realpolitik della Cina in Afghanistan

Precedente

Quando le riforme strutturali diventano un boomerang

Successivo

Il Punto

  1. Enrico

    Quindi secondo l’autore l’Italia non sta svendendo abbastanza i propri “gioielli”, ma dovrebbe adattare il proprio sistema per fare in modo che lo “shopping” di capitali esteri compri i vari capi e brand nostrani.. Interessante..
    Non si tiene forse in considerazione della de-industrializzazione che ha avuto origine (e tuttora prosegue) ben prima la crisi 2007-8 proprio da quando l’Italia ha abdicato l’uso di una politica nazionale nei confronti dei obblighi dogmatici comunitari, i quali vedono nei capitali esteri la sola unica e possibile fonte di investimento, dimenticandosi completamente, a partire da all’ora, le parole investimenti pubblici e piano industriale (ancora ben presenti in molte altri paesi, molti dei quali occidentali). Risultato: apriamo le finestre e guardiamo le piazze.

  2. tom

    Ma i contenuti di questo Ttip qualcuno li conosce… Il più grande trattato commerciale del 21 secolo e non c’è modo di leggere un testo ufficiale che sia uno…

    • Giulio

      Non sono stati resi pubblici gli atti se non dietro le insistenze di chi del TTIP già sospettava. Sul sito della campagna nazionale Stop-TTIP trovi infatti i documenti originali, più delle analisi e ricerche condotte dagli aderenti alla campagna (Fairwatch, tra gli altri).
      Ecco dove reperire i documenti desecretati: http://stop-ttip-italia.net/documenti/

  3. Erminia

    E delle leggi contro l’inquinamento non rispettate proprio dai colossi industriala in Italia?

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén