È un passo avanti la riforma degli ammortizzatori sociali, perché li estende dai lavoratori dipendenti anche ai parasubordinati che perdono il posto. Esclude però le categorie più deboli: chi ha avuto rapporti di lavoro molto frammentati o non regolari. Rischiamo uno spreco di risorse e siamo lontani da un sostegno universale.
Si gioca sul precipizio dell’uscita della Grecia dall’euro la partita tra il governo Tsipras da una parte e dall’altra la Ue e i singoli stati membri. Cancellare il debito di Atene è un boccone indigesto per la Germania ma anche per i governi di Spagna e Italia pressati da opposizioni pronte alle barricate. Chi finora ha scongiurato il peggio è la Bce di Mario Draghi. Insieme a un nuovo articolo, un Dossier sulla crisi ellenica.
Expo = impennata del turismo? Così prevede il premier Renzi. Speriamo gli diano ragione i numeri, che ora sono a livello di Turchia e Tailandia. Come mostra il nostro grafico. Proseguiamo il completamento dell’Orologio delle riforme con una nuova voce: la scuola, di cui si è ricominciato a parlare.
In nome della libertà di espressione, Anonymous ha oscurato centinaia di siti internet, account Facebook e Twitter di fiancheggiatori e reclutatori dell’Isis. I governi occidentali, spesso vittime degli attacchi di questo gruppo di hacker, se lo ritrovano alleato nella lotta al terrorismo. Con quali pro e contro?
È una scelta impopolare la mancata proroga degli sfratti ma ha il pregio di riportare fiducia nella legge e sanare anni di ingiustizie nei confronti dei proprietari di case. E forse stimolare gli investimenti nell’edilizia.
Ancora nebbia sull’applicabilità del nuovo schema di tutele del Jobs act ai dipendenti pubblici. Il suo testo non li include e non li esclude esplicitamente. Bene chiarirlo nella legge, evitando così libere interpretazioni.
Giova alla carriera delle donne rimandare la nascita del primo figlio. Con il rischio, però, di ritrovarsi meno fertili quando decidono di diventare madri. Una buona politica per la famiglia può molto aiutare a conciliare il percorso professionale con la maternità.
Sostieni lavoce.info
È ormai l’ottavo anno di una crisi interminabile, ma lavoce.info vive ed è indipendente grazie al sostegno delle migliaia di suoi lettori. Vi chiediamo un piccolo-grande sforzo con un contributo finanziario secondo le vostre possibilità. Grazie!

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!