logo


Rispondi a Giacu Annulla risposta

1500

  1. Giacu Rispondi
    Non preoccupatevi e non stupitevi per i costi! Da una recente analisi è emerso che i costi, A PREVENTIVO, per la costruzione dell'AV in Valsusa (tunnel ferroviario di 57 km) sono quantificabili in 158.712.000 euro AL Km. !!! Per essere più chiari un cm = € 1.587,12 !!! Inoltre pur essendo il territorio italiano interessato per 1/3 noi partecipiamo per un importo di circa 2/3...perché ?? Qualcuno mi illumina? Vorrei evidenziare che l'attuale linea internazionale con la Francia è sottoutilizzata al 30% circa. Recentemente l'esistente traforo ferroviario del Fréjus viene attraversato da tutti i convogli, compresi i containers di grosse dimensioni, in quanto "ristrutturato" recentemente. I flussi ferro/gomma con la Francia sono da un decennio in continua riduzione. Il traffico fra questi due stati è considerato "maturo" e non aumentabile. Il trasporto su treno non potrà mai competere con i TIR per tempistica sulla consegna. Chiedetevi quanti giorni necessitano per far arrivare a destinazione la merce con i treni e quante ore impiega un TIR per far arrivare al "numero civico" la merce. Vorrei informarVi che attualmente esistono coppie di treni fra Milano/Torino/Parigi gestiti giornalmente dalla ferrovie francesi, Potrei continuare ma non voglio tediarvi. Volevo solamente darvi alcune informazioni rapide e concrete.
  2. Amegighi Rispondi
    "scandalosa leggina di cinque anni fa...." Vogliamo dire chi era al Governo, chi ha proposto l'emendamento e chi ha votato il tutto ? Non parteggio in questa mia richiesta per nessun partito o movimento politico. Parteggio solo per la democrazia, che prevede un preciso e chiaro rapporto di azione verso responsabilità, in modo da permettere agli elettori una chiara visione e individuazione delle responsabilità dei loro eletti nell'esercizio del potere. Forse proprio da questo, da questi scandalosi emendamenti e leggine, dalla capacità di chi conosce bene, come voi, il loro reale significato e di spiegarlo agli altri che non lo comprendono bene, nasce lo stato pietoso in cui si trova il paese e la speranza di rifondarlo democraticamente in modo serio
  3. Gianluca Vecchio Rispondi
    Perfetto. Quadruplichiamo la linea.... E come la gestiamo quando passa in mezzo ai centri abitati? Buttiamo giù strade, case e capannoni già costruiti da cinquant'anni? E l'enorme viadotto ferroviario di Desenzano che passa in mezzo al centro abitato, sicuri che sia una buona idea affiancarne un'altro?
    • Rick Rispondi
      Non solo quanto detto da Gianluca (il viadotto di Desenzano poi, chiunque sia mai stato a Desenzano si rende conto della follia di costruirne un altro - http://rete.comuni-italiani.it/foto/2012/wp-content/uploads/2012/01/2626-800x575.jpg). Una linea per essere ad alta velocità deve avere delle curve di raggio sufficientemente ampio da non far rallentare il treno. Quindi una linea che seguisse fedelmente il percorso di quella vecchia non può essere AV
  4. Hk Rispondi
    Dunque 70 milioni al chilometro. 70.000 al metro. 7000 al mq. Per una massicciata in pietre , una traversina in cemento, 2 m di linea elettrica,...
  5. pier luigi tossani Rispondi
    Non gli interessa, nei palazzi del potere, cambiare le regole del general-contractor, senno' verrebbe a mancare il lesso per i politici e i loro "protetti". Tant'è vero che nell'ormai lontano 2009 l'associazione Idra fece a Matteo Renzi, quando era ancora sindaco di Firenze, l'offerta della consulenza gratuita di due noti specialisti in materia, l'ing.Ivan Cicconi e il prof. Marco Ponti, giusto per evidenziare le mega-criticità dei project-financing finti della TAV, e della relativa figura del general contractor: http://www.idraonlus.it/vecchiosito/19-10-%2709.htm Gli esperti portati da Idra avrebbero anche suggerito a Renzi un’alternativa costruttiva al sistema del GC… non è che si volesse fare una critica gratuita Renzi, che si diceva contrario alla TAV, non ha mai risposto.
  6. bob Rispondi
    La logica per il politico è come l'aglio per il vampiro! Non credo che ci fosse bisogno di studi per sostenere che l'adattamento della vecchia linea sarebbe nella logica. Ma purtroppo proprio perché nella logica delle cose che si cambia...in peggio!