logo


  1. Agostino De Zulian Rispondi
    Per la riforma del Enti Locali basterebbe una semplice riforma costituzionale consistente nell'aggiungere all'art. 114 il seguente comma: "Il Comune è un Ente con almeno 50.000 abitanti". Ogni altra norma serve solo alla conservazione di INUTILI "CADREGHE" e alla dimostrazione della visuale “POLITICO NANISTICA”!.
    • angelo Rispondi
      Meglio stare un po' più bassi e non imporre limiti "rotondi" di popolazione. Meglio accorpare i piccoli comuni di una valle o piccoli paesi di pianura vicini fra di loro e via discorrendo. Il problema da risolvere è quello di amministrare i gruppi di comuni in maniera efficiente e questo vale anche per quelli più grandi. Una sfida difficile, lunga uno o più decenni, da affrontare con le molle. C'è da scommettere che la burocrazia avrà ancora il sopravvento, vista la superficialità con cui vengono oggi impostate le riforme, anche le più importanti.