logo


  1. Piero Rispondi
    L'AMERICA CORRE E L'EUROPA DORME. COSA FARE? Oggi gli USA con il Pil +5% e con la disoc. del 5,8%, danno una lezione all'Europa; questo e' il successo della loro politica, hanno inondato di liquidità i mercati con il QE mensile di 80 mld mensili, ridotto del 50% nell'ultimo anno. Oltre 3000 mld sono stati pompati dalla Fed, la stessa mossa fu consigliata alla Bce; tale banca è influenzata dalla pol. imperialistica tedesca, che non ha nessun interesse ad una simile pol. nella zona euro, con la scusa dell'azzardo morale e con la pol. dei compiti a casa propria, la Bce ha propagato la crisi finanziaria all'econ. reale, rompendo l'equilibrio sociale raggiunto negli ultimi 30 anni nel nostro bel paese. Gli USA raccolgono oggi il successo e i nostri "poveri" politici (poveri solo di mente), cominciano a gridare, basta con l'austerita', non comprendono che devono chiedere alla Bce di fare quanto è stato già annunciato dalla stessa, il QE degli USA deve essere utilizzato subito nella zona euro, oggi Draghi deve riunire urgentemente il consiglio della Bce, deve lanciare un QE mensile di 80 mld, sul mercato secondario, di titoli statali, proquota i singoli paesi euro, deve partire dai più lunghi. I paesi stanno soffrendo per la mancanza di liquidità, la scusa delle riforme oramai non incanta più nessuno. Naturale che oramai i danni di tale p.m. criminale della Bce si sono propagati nell'eco reale, qui i singoli governi dovranno aiutare le imprese, sono il motore che potrà rilanciare lo sviluppo. Renzi deve intervenire con il f.c.g per circa 100 mld, garantire i prestiti che le banche faranno alle imprese, verra ristabilita la fiducia delle banche alle imprese, si aumenta la moneta bancaria in circolazione, riprendono i consumi, la produzione e aumenta subito l'occupazione.