logo


Rispondi a Franz Annulla risposta

1500

  1. gl lombardi-cerri Rispondi
    Al di là di tante elucubrazioni esistono fatti incontrovertibili: 1.- Il giovane italiano potendo disporre dell'aiuto dei genitori, magari anche di un sussidio di disoccupazione e magari anche da un lavoretto in nero rimane spesso in attesa di tempi migliori 2.-L'immigrato regolare accetta qualunque lavoro anche a bassissimo salario.
  2. Franz Rispondi
    Sempre la solita storia qui su lavoce eh...quando c'è qualcosa da dire a favore degli immigrati , sempre pronti a fare articoli ( e a dire anche qualche falsità). Allora, cominciamo e vediamo se qualcuno può contraddirmi 1 Gli immigrati irregolari sono clandestini. E' inutile che ci giriamo attorno, non ci devono essere . O lo sono quando entrano irregolarmente , o lo diventano, non ci dovrebbero essere . Basta. E' inutile che facciamo i discorsi. Se gli autori di questo articolo ( e di altri de lavoce) vogliono un mondo senza confini dove non esistono i clandestini, dico "svegliatevi", non esiste, è inutile che fate i buonisti. 2 Gli immigrati TOLGONO lavoro agli italiani. A me sta storia che dicono che "non è vero" mi sta facendo girare le scatole, gli immigrati si accontentano di 300€ in nero , sono più ricattabili e dormono in 6 in una stanza. L'italiano deve fare lo stesso secondo voi ? Perché se no "non vuol fare certi lavori" ? Che poi quelli fregati sono solo gli italiani : l'immigrato manda i soldi al suo paese, dove lo stipendio medio è comunque più basso di quello che prende in nero qui...3 Ultima cosa . l'Italia non è adatta ad accogliere immigrati : non c'è welfare, non c'è reddito minimo garantito , non ci sono benefit come in UE. Quindi o lavora, o muore . E se il lavoro lo rubano gli immigrati, può morire per voi e le vostre idee, vero ? Anche questo è razzismo. Contro gli italiani.
  3. Randolph Carter Rispondi
    Per il poco che posso osservare, vedo varie persone (sia immigrati regolari che cittadini italiani) piegarsi ad accettare lavori saltuari sottopagati, sia in nero che in "grigio", come quelli agricoli. Questa "invasione di campo", nei lavori che erano quasi esclusiva degli irregolari, riduce ancora lo spazio a loro disposizione, che non hanno nessun "livello inferiore" (lavorativamente parlando) da invadere!
  4. IC Rispondi
    E' naturale ed è sempre stato così anche in passato quando a farne le spese erano gli immigrati italiani in altri paesi europei. Sono in disaccordo invece per quanto riguarda gli irregolari. Nei momenti di crisi, i piccoli imprenditori marginali riescono a sopravvivere solo se riducono i salari e abbattono contributi e IRAP. Risulta difficile ridurre drasticamente i salari degli italiani mentre è assai più facile farlo con gli stranieri irregolari che possono accontentarsi di pochi Euro all'ora.