logo


  1. Francesco Franco Rispondi
    Mi pare che si tratti di un articolo (uno dei pochi relativamente tecnici) che avvalora con qualche argomenzione tecnica e quantitative la necessità correttamente percipa da molti (per non farla morire di farla pasare attraverso unl piano europeo straordinatio per l'occupazione (sovrapputto giovanile), la crescita e lo sviluppo sostenibile.
    • Rainbow Rispondi
      Finalmente qualcuno che sostiene,dati alla mano,l'importanza,l'opportunita',la necessita'di stimolare la ripresa con un piano di investimenti pubblici a livello Europeo finanziati dalla Bei! Gli investimenti pubblici li può garantire solo l'Europa,non certo gli Stati Nazionali,specie l'Italia con un debito che supera i 2 trilioni di euro! Del resto questa Europa cosa ci sta a fare,soltanto a redarguire i paesi che "non fanno i compiti a casa"?Questo andrebbe spiegato al coro di oppositori interni che criticano la manovra di governo perche'"non prevede 1centesimo di investimenti pubblici"! La manovra opera correttamente sulla domanda interna,mettendo a disposizione importanti risorse ( 80€,etc) e sull'offerta riducendo l'Irap e i contributi per i neo assunti. C'e'anche qualcosa x gli ammortizzatori sociali,e per il lavoro autonomo. Il resto,gli investimenti pubbliici e'giusto che li promuova l'Europa altrimenti cosa ci sta a fare?