Lavoce.info

Che fare del Tfr?

Corsi e ricorsi di un’idea sbagliata: mettere il Tfr in busta paga. Una proposta che continua a riaffiorare nella politica italiana e che aprirebbe voragini sul futuro pensionistico di molti lavoratori. Senza rilanciare i consumi. Una raccolta di articoli sul tema. 

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

L’euro è una trappola?

Successivo

Perché non bisogna aver paura della libertà di scelta dei lavoratori

  1. Carla

    Trovo insopportabile che in Italia non si abbia il coraggio di smontare e rimontare il welfare e invece si distorcano i suoi strumenti dagli scopi originari. Perchè invece che metterlo in busta paga il TFR non lo aboliamo? Per rilanciare i consumi salario minimo o reddito minimo garantito sono strumenti migliori. E rispetto al suo scopo originario rispetto alla previdenza “coercitiva” il TFR lo scambierei con un sistema previdenziale trasparente che renda più consapevoli i lavoratori di oggi (giovani e non) degli effetti del nuovo sistema contributivo e li accompagni- date le poche competenze- in una pianificazione di ulteriori pilastri di previdenza integrativa. Rispetto alla distorsione del TFR come forma di di finanziamento per le imprese sarebbe meglio affinare strumenti appositi (finanziamenti o fondo di garanzia). Ingenuo?

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén