Lavoce.info

Il Punto

È un maquillage contabile il taglio di spesa annunciato dalla Camera dei deputati. Spieghiamo i meccanismi di ragioneria creativa adottati che danno al contribuente l’illusione -solo l’illusione!- di un risparmio dei suoi soldi. Con un articolo e un e-book che scende nei dettagli.
Non è ammissibile che l’Istat ritardi ancora nel ridefinire la contabilità nazionale in base alle nuove regole Eurostat: avremo una nota di aggiornamento del Def destinata a essere aggiornata in pochi giorni!
La classe dirigente della Pubblica amministrazione è chiaramente inadeguata. Ma la riforma del ministro Madia ripete gli stessi errori del passato. Vediamo perché.
Tra gli interventi di sostegno alle famiglie più povere che, da Nord a Sud, alcune Regioni hanno varato, quello del Veneto è un esempio di lavori socialmente inutili. Ogni euro erogato costa circa 1,34 euro di burocrazia. Per raggiungere solo l’1 per cento delle famiglie in condizioni di povertà.
Il grande business dei campionati del mondo, ogni quattro anni, allarga il lato oscuro del gioco del calcio, già vasto a livello nazionale. Non c’è praticamente edizione che ne sia indenne. Vediamo quali sono le ombre che già gravano su Russia 2018 e, soprattutto, Qatar 2022.

Convegno de lavoce.info
“Criminalità, corruzione e crescita” è il titolo del convegno 2014 de lavoce.info che si terrà la mattina di mercoledì 17 settembre. La partecipazione all’incontro, a porte chiuse, è riservata alla redazione de lavoce.info e a chi ci ha finanziato con almeno 100 euro o raggiunge cumulativamente 100 euro di donazione negli ultimi tre anni. Chi non l’ha fatto, è ancora in tempo per compiere la donazione! Questo sito vive prevalentemente grazie al contributo dei lettori. Che, ancora una volta ringraziamo di cuore.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

L’aggiornamento dell’aggiornamento

Successivo

Donne sull’orlo di una crisi di competizione

  1. Finalmente due persone competenti nella squadra economica di Renzi: Tabellini e Gutgeld.
    Il resto della rosa di economisti poteva essere risparmiato, sicuramente vi saranno state pressioni politiche, ma su questi due nomi non si può discutere, auguro a loro un buon lavoro e se la politica non segue i loro consigli si devono dimettere.
    Tabellini conosce benissimo la situazione economica italiana, sa benissimo che siamo intrappolati nella moneta unica, sa benissimo che dobbiamo fare le riforme e non dare più alibi alla Merkel, quindi subito riforme con due medi, poi dovrà cambiare l’atteggiamento della Bce verso i paesi indebitati, dovrà fare quello che è’ scritto nel contratto europeo, riportare l’inflazione al 2%, subito con una manovra di politica monetaria espansiva.
    Gutgeld, conosce bene i problemi italiani interni, le spese improduttive, la vischiosità delle leggi italiane, basta con leggi deleghe, decreti legislativi, decreti attuativi, si prende una decisione in parlamento, in questo modo verrà attuata dopo diversi anni, oggi la società sta aspettando ancora i decreti attuativi del governo Monti, questo e’ uno scandalo, si dovrà cambiare passo e fare subito la legge applicativa che contiene anche l’attuazione, in questo modo si passa subito all’efficacia della scelta politica. Gutgeld, sa benissimo che lo stato, in attesa di una politica monetaria espansiva dovrà subito ridare liquidità all’economia delle pmi, deve scendere in campo con il fondo di garanzia statale.

  2. Segue
    Il fondo di garanzia statale non deve aspettare il decreto attuativo, ma deve essere attuato con una legge semplice, tutte le imprese che hanno un bilancio certificato, hanno diritto alla garanzia statale pari al 50% del fatturato! a conduzione che mantengono l’occupazione per i prossimi 5anni. Un semplice provvedimento che non richiede nessun accantonamento di bilancio, come non fu accantonato nulla per la garanzia darà dallo stato alle banche per il collaterale dato alla Bce per il orestito di 250 miliardi dato alle banche italiane al tasso dell1%. L’intervento per le imprese deve essere di almeno 150 miliardi, lo stato incassa subito il costo della garanzia pari a 1,5 miliardi, le aziende manterranno l’occupazione, non vi saranno ulteriori interventi sugli ammortizzatori sociali.
    Dal lato delle spese il programma di Gutgeld e’ chiaro e semplice, diminuire la presenza dello stato dall’economia ( vendita di tutte le partecipate) e rendere l’amministrazione pubblica più economica e produttiva. Dal lato delle pensione, tagliare quelle per le quali non vi è stata contribuzione.
    Buon lavoro

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén