logo


  1. antonio Rispondi
    Perché il lavoratore quando non soddisfa o non è simpatico all'interno di una azienda, viene licenziato o per discriminazione messo in C.I.G. Mentre i politici tutti, che hanno causato in vent'anni di malgoverno Berlusconi & c. e ruberie a 360 gradi questa crisi, approvando solo leggi a favore di Berlusconi, infischiandosene di fare le leggi per i cittadini che pagano le tasse, mentre egli ha frodato lo stato e noi tutti, non è in galera? I politici devono essere rimossi entro poco tempo se non sono all'altezza, e non a fine mandato. Poi hanno l'immunità, perché possono continuare a rubare? Bisogna togliergli anche le mutande se rubano, altro che immunità. Loro devono essere da esempio per i cittadini. Sono nostri dipendenti superpagati, e devono renderci conto e non avere tutti i privilegi. Devono lavorare con stipendi più bassi, sapendo che dall'altra parte c'è gente che non arriva a fine mese. Quindi anche per loro deve esserci il licenziamento se non sono all'altezza. E in pochi mesi non a fine mandato. Troppo comodo entrare in politica, anche chi non sa fare nulla entra in politica, tanto sono super pagati. Invece deve esserci la possibilità di essere licenziati di tronco. Lasciando alle casse dello stato eventualmente il maltolto.
  2. Pier Luigi Tossani Rispondi
    Lavoro interessante ma, quando si parla di lavoro, credo sia importante, al di là delle cifre, tenere uno sguardo d'insieme sulle auspicabili dinamiche virtuose della "società partecipativa"