Lavoce.info

Il Totem e il Gattopardo: a chi serve la riforma del mercato del lavoro?

Le slides della presentazione tenuta dal professor Pietro Garibaldi al Convegno del 4 luglio in occasione del decennale de Lavoce.info. Scarica il pdf.

.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Il problema è la qualità del lavoro, non il RdC

Precedente

Il Punto

Successivo

Il mestiere delle fondazioni

  1. rossi rita

    Scrivo per commentare il fatto che grazie alla riforma sul lavoro fatta dalla Fornero mio marito il giorno 17/07/12 è stato licenziato dalposto di lavoro perchè il suo contratto non è più legale .Io non capisco se questo governo vuole aumentare i posti di lavoro la crescita o gli interessa solo che vengano pagate le tasse dai cittadini ” ma con quali soldi? ” se non abbiamo più lavoro? Dove andro a prendere i soldi per pagare l’imu il prossimo dicembre . Forse non era questo il momento per chiedere alle aziende di fare altri tipi di contratti e poi comunque il contratto è o no un accordo giuridico che sta bene a entrambi le parti é sicuramente meglio che morire di fame Questa è la sola alternnativa a quel tipo di contratto. Il Contratto era di venditore associato e ci permetteva di mangiare ed avere una dignità. Forse la signora Fornero quando ha elaborato la nuova riforma si sia posta almeno in parte queste domande …Grazie

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén