Lavoce.info

PREVEDERE LE PRESIDENZIALI USA. E VEDERE L’EFFETTO CHE FA

Dopo il ritiro di Rick Santorum, lo sfidante di gran lunga più credibile, è ormai certo che Mitt Romney sarà il candidato repubblicano alle elezioni presidenziali negli Stati Uniti. Adesso l’attenzione si sposta sulla scelta dei ticket presidente-vicepresidente e sulle elezioni di novembre. Ma chi sarà il vincitore? Lo indicano i mercati predittivi. Che aiutano anche a rispondere a due domande: che effetti ha l’andamento dell’economia sul risultato elettorale? E che dire degli effetti del risultato elettorale sulle prospettive economiche future?

Forse non c’è bisogno di scomodare il fortunato slogan di Bill Clinton del 1992 (“It’s the Economy, Stupid!”) per mettere in evidenza il legame a doppio filo che esiste tra variabili macroeconomiche – ad esempio la disoccupazione – e variabili politiche, e in particolare l’esito delle elezioni a livello nazionale.

DALL’ECONOMIA ALLA POLITICA

È verosimile che l’andamento dell’economia influenzi la probabilità che il governo in carica venga rieletto. In particolare, secondo il modello “pane e pace” (Bread and Peace) ideato da Douglas Hibbs, la percentuale di voti che negli Stati Uniti va al partito del presidente in carica è largamente spiegata dall’andamento del reddito reale disponibile pro capite durante i quattro anni dell’ultimo mandato e dal numero di soldati Usa uccisi in azioni militari, nell’ambito di una guerra iniziata dal (partito del) presidente in carica. (1)
Naturalmente, la maniera tradizionale di prevedere (non di spiegare) il risultato di una gara elettorale consiste nell’effettuare un sondaggio di opinione su un campione rappresentativo della popolazione. Una maniera alternativa, per cui specialmente negli Usa vi è un interesse solido e crescente, si basa sui cosiddetti “mercati predittivi” (prediction markets), cioè un meccanismo intermedio tra un sistema di scommesse e un mercato finanziario vero e proprio. Su questi mercati (ad esempio su Intrade o sugli Iowa Electronic Markets, Iem) si scambiano titoli che pagano un importo fisso di dieci dollari (ad esempio su Intrade) se un dato evento si realizza, e nulla in caso contrario. Il prezzo del titolo stesso rappresenta la probabilità che, secondo il mercato, l’evento sottostante si realizzi. Agli estremi, un prezzo di zero significa che l’evento è giudicato impossibile, mentre un prezzo di dieci significa che l’evento è certo.
A prescindere da movimenti speculativi del breve termine, i fautori dei mercati predittivi sostengono che le informazioni dovrebbero finire incorporate nel prezzo del titolo. Il meccanismo è il seguente: chi dispone di informazioni che gli suggeriscano che il prezzo attuale del titolo sia troppo basso rispetto alla probabilità attribuibile all’evento sulla base delle informazioni stesse troverà conveniente acquistare quel dato titolo, contribuendo così al rialzo della quotazione. Ebbene, già due settimane fa – ovvero prima degli esiti elettorali in Maryland, Wisconsin e nella città di Washington – il prezzo del titolo connesso all’evento “Romney candidato repubblicano alle presidenziali” era di 9,3 dollari, pari a una probabilità implicita del 93 per cento. Dopo le tre vittorie la probabilità è arrivata al 95 per cento. All’11 aprile (appena dopo il ritiro di Rick Santorum dalle primarie) siamo al 97,1 per cento. E che dire della vittoria di Obama alle presidenziali? Sempre su Intrade il titolo corrispondente vale al 18 aprile 6,08 dollari, a cui corrisponde una probabilità implicita del 60,8 per cento.
A conti fatti, una probabilità del 60 per cento è largamente superiore al fifty/fifty del lancio di una monetina – che non dà un vantaggio a nessuno dei due candidati – ma è certamente più bassa della probabilità che in media attribuiamo alla vittoria di Obama da questo lato dell’Atlantico.

(1) Si veda qui la pagina web curata da Douglas Hibbs e dedicata all’applicazione del modello “Bread and Peace” alle presidenziali del 2012.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  In Scozia torna a soffiare il vento dell’indipendenza

Precedente

FREQUENZE E TV NELL’ERA DI MONTI

Successivo

LO SPREAD E I VERTICI UE

  1. Piero

    un amico private banker è andato ad un meeting con una grossa banca d’affari americana di cui vende i fondi e gli han detto : la borsa Usa salirà (tra alti e bassi) almeno fino a fine ottobre.. quindi Wall Street (di gran lunga il più potente grande elettore, ormai determinante anche x decidere i governi Europei tra cui l’Italia) ha già deciso su chi puntare. Obama. Se volessero boicottarlo gli basterebbe programmare un bel crollo. Loro fanno previsioni che si Auto-Avverano.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén