Tra poco più d’un anno

si tornerà a votare;

c’è chi teme l’affanno

d’un flop fallimentare,

 

e per cercar riparo

da un’aspra delusione

pur col palato amaro

prende una decisione:

 

“è d’uopo ch’io mi metta

i panni da alpinista

e de’  Monti la vetta

io muova alla conquista,

 

così che gli elettori,

in fede ed in coscienza,

daranno a me i favori

e la benevolenza”.

 

Tre scalatori arditi,

che usan chiamarsi poli,

con toni un po’ addolciti

s’inchinano da soli

 

e parlano alla Cima

sì fredda e inviolata:

“di te sempre ebbi stima,

io t’ho sempre ammirata”.

 

Ma non sarà che molti

avran piene le palle

e dopo tanti Monti

voglian tornare a valle ?

 

I nostri rocciatori

son pronti all’evenienza

e celano nei cuori

un grido e una speranza:

 

 

 

 

“il tempo della tecnica

al fin s’è consumato,

si renda alla politica

il trono ed il primato”.

 

Che veda allora il cielo

i compiti finiti !

C’è già mancato un pelo

che fossimo falliti.

 

Che sia tornata ancora

la voglia di votare !

Se il clima è quello d’ ora

in tanti andranno al mare.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!