logo


  1. erio Rispondi

    Il pareggio di bilancio in costituzione è valido, i debiti si possono anche fare, ma non per le spese correnti, se i cittadini con referendum apposito decidono un investimento locale, si ha non solo debito ma anche di pari passo incremento dell'attivo, quindi ...ribadisco il pareggio di bilancio.. Certo che se un comune per esempio si indebita per consulenze esterne, questo è inammissibile.

  2. Ex amministratore locale Rispondi

    A parte le considerazioni riguardo al fatto che mettere in Costituzione il pareggio di bilancio è una scemenza soprattutto economica (perché proibire i debiti, che consentono di fare le cose pagandole un po' alla volta, come fa anche il privato?), hic Rhodus, hic salta: il "federalismo" non è un aumento dell'autonomia. Le parole hanno un senso: federalismo significa ovunque che chi era diviso si è unito, mantenendo anche dei forti spazi di autonomia (USA, Germania, ecc.). Autonomia significa che a livello locale si prendono alcune importanti decisioni, anche di bilancio: se i miei cittadini mi chiedono di fare una piscina, sapranno che in qualche modo una parte dei costi ricadrà su di loro, sia che siano utenti di quelll'impianto (pagando un biglietto), sia in quanto cittadini. Trattenere sul posto una quota dei tributi nazionali NON è autonomia! Ed è qui che si genera un debito insostenibile perche provocato da chi non ha nessuna responsabilità reale e pensa solo ad ottenere consenso elettorale.