Lavoce.info

LA RISPOSTA DELL’AUTORE AL COMMISSARIO GOVERNATIVO

Il bel parco della Favorita, come io lo ho definito, sarebbe invece, per il commissario Spaziante, “un’area fatiscente non oggetto di pubblica fruizione”. Mi sembra che questo basti a segnare la distanza fra le nostre visioni di un bene pubblico e della necessità di preservarlo. Le nostre opinioni sono tuttavia irrilevanti. Ciò che conta è quello che pensano i cittadini del Lido di questi 19mila metri quadri di verde pubblico, luogo purtroppo male utilizzato per feste e attività sportive che andrebbe invece riqualificato.

“Tutte le decisioni sono state prese con il voto favorevole di tutte le amministrazioni competenti (…) compreso il comune di Venezia”. Forse ai tempi della giunta Cacciari: mi pare che il sindaco Giorgio Orsoni abbia un’opinione diversa sull’opportunità che i poteri del commissario siano tanto ampi: «Sono rimasto sbalordito dalla notizia dell’allargamento delle competenze del commissario anche sull’isola della Certosa (…) si continua in questo modo a percorrere una linea di delegittimazione dell’amministrazione comunale: questa operazione è esattamente il contrario di quello che penso debba essere fatto. Una buona gestione amministrativa del territorio non ha bisogno di commissari».

“Il professor Giavazzi avrebbe fatto meglio a rivolgersi direttamente alla fonte per avere informazioni e dati sicuri, invece di fidarsi di qualche notizia di seconda mano”. Ritengo che i funzionari il cui compito specifico è amministrare i denari dei contribuenti debbano loro informare i cittadini del loro operato, e non siano i cittadini a dover chiedere.

Quanto alle “notizie di seconda mano”:

–         “Non vi è stata alcuna distrazione di fondi della Ulss”: che cosa dirà la Corte dei conti di un edificio venduto per 27 milioni e rivenduto pochi mesi dopo per 70, senza che vi sia stato nessun cambio sostanziale di destinazione d’uso?

–         “La dichiarazione di grande evento e la conseguente nomina del commissario sono intervenute nel pieno rispetto di una legge dello Stato (…) che consente di fare l’una cosa e l’altra, in analogia a quanto accade per le emergenze di protezione civile”. Forse è anche peggio di un errore procedurale; come ha scritto la Corte dei conti nell’agosto scorso valutando l’operato dei Commissari preposti al sito di Pompei;

Leggi anche:  Il trasporto aereo non finisce con Alitalia

–         il bando per la vendita dell’ospedale è stato pubblicato in novembre e la gara scadeva il 22 dicembre. Ma non è solo un problema di date: nella Conferenza dei servizi svoltasi il 31 dicembre 2010 il commissario informava i partecipanti che “la procedura di gara indetta per l’affidamento degli interventi in questione è andata deserta e che avendo egli avviato per le medesime finalità una procedura di carattere negoziale con EstCapital sgr, quest’ultima ha sottoposto un’offerta (…)”. L’offerta appunto che sarà accettata. Nella conferenza non si cita il volume edificabile. Il bando (disponibile sul sito del commissario – nonostante egli si cauteli con la nota “Sito in fase di allestimento”: evidentemente tale è la considerazione del dovere di informazione verso i cittadini che in tanti anni non si è trovato il tempo per allestire un sito che li informi) prevedeva la possibilità di chiedere due lotti. Nel primo la superficie lorda di pavimento edificabile è indicata in 65mila mq, la cifra da me indicata era 70mila, nel secondo in 49mila mq. Poiché l’assegnazione è avvenuta attraverso “una procedura di carattere negoziale” non è dato sapere quale cubatura sia stata concordata, o almeno questa informazione non esiste su quel sito “in allestimento”. Se i metri quadri negoziati fossero 50mila, anziché 70mila, l’utile atteso per EstCapital sarebbe dell’ordine di 150 milioni, sempre senza contare la darsena e i profitti delle imprese di costruzione azioniste di EstCapital: non mi sembra un cattivo affare;

–         “la rimozione dell’amianto è costata (sino al momento in cui il progetto Palazzo del Cinema è stato abbandonato) 17 milioni”. Forse, se anziché a un commissario governativo si fossero affidate le opere a un cittadino del Lido, questi avrebbe saputo che i quel luogo trent’anni fa si interravano i tetti delle capanne dell’Excelsior piene di amianto. Sono stati spesi 37 milioni: 20 milioni per fare un buco, 17 per iniziare a bonificare un terreno di poche migliaia di metri quadri. Sono cifre ragionevoli?

Leggi anche:  I lavori pubblici tra Covid e decreto semplificazione

–         “Dalla Sacaim non è mai pervenuta al commissario alcuna richiesta di risarcimento”. Arriverà, come a scritto La Nuova Venezia il 4 giugno, in un articolo che la società non ha contestato: pare chiedano circa 50 milioni di euro: 20 come risarcimento danni, 17 di pagamenti residui come da contratto firmato, 15 come «costi e riserve» a seguito dei rallentamenti dei lavori. Certo, chiedere non significa ottenere, ma il bel risultato sarà un lungo contenzioso e la messa in difficoltà di una delle più solide imprese veneziane.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

NIENTE LACRIME SE LA GRECIA ESCE DALL’EUROZONA

Successivo

L’EUROPA E LA PAURA DEL CONTAGIO

  1. carlo g. lorenzetti settimanni

    Al di là dei punti rilevanti in cui le versioni del Commissario e del prof. Giavazzi restano discordanti, ho trovato assai civile ed istruttivo il modo in cui l’intera vicenda è stata ricostruita grazie a lavoce.info e degna di apprezzamento l’acribia con la quale il commissario ha puntualizzato i fatti. Non sempre accade, purtroppo,che i funzionari pubblici rispondano pubblicamente e con tempestività ai rilievi mossi alloro ufficio e/o al loro operato. Mi auguro che lavoce.info segua ora gli siluppi della vicenda e ci informi su come realmente saranno andate le cose.

  2. Antonio Gasperi

    Io invece volevo ringraziare il prof. Giavazzi, di cui tanti anni fa fui indegno ma attento allievo, per la precisione con cui continua a documentare uno dei purtroppo numerosi casi di "asimmetrie informative" del mercato, il quale sì è foriero di benessere per tutti e specialmente per i cittadini, ma solo nel caso in cui tutti i concorrenti rispettino le regole. La mente corre al caso greco, dove la situazione è drammatica e suscita paralleli con l’antica Atene (Sabatini sul Sole di venerdì). Però non so ancora cosa sia peggio fra un libero e selvaggio mercato e uno stato paternalista ma corrotto, perciò sono con il Prof. quando riesce a coniugare la denuncia del corporativismo italiano che impedisce il dispiegarsi del libero (ma non sempre giusto) mercato con la battaglia contro la manomorta burocratica (sempre ingiusta)

  3. Coordinamento delle Associazioni ambientaliste del Lido di Venezia

    Noi concordiamo perfettamente con quanto scritto dal prof. Giavazzi. E’ innegabile il grande fosso o buco scoperto, che nonastante la messa in opera al cadavere (progetto del “Sasso”), ci sia tanta vergogna di fronte al mondo culturale internazionale. Il fosso è costato 35 milioni di euro (soldi pubblici) di cui 15 per estrazione del terreno inquinato. Ad oggi nulla si sa del nuovo Palazzo del Cinema se non di strani project financing, non opera di filantropia come la costruzione nel secolo scorso dell’ex Ospedale al Mare. Toronto, Roma ed altri, così, ci scipperanno della più antica e prestigiosa Mostra internazionale di arte cinematografica.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén