Lavoce.info

Irlanda: il contagio col contagocce

Si sono improvvisamente riacutizzati i timori sulla solvibilità di Irlanda e Portogallo. La maggiore preoccupazione di noi italiani riguarda il rischio di contagio. Ma il mercato dei Cds assegna oggi al fallimento dell’Italia nei prossimi cinque una probabilità notevolmente più bassa rispetto a quella di Irlanda e Portogallo. E l’impennata della percezione del rischio registrata a novembre non sembra avere significativamente contagiato il nostro paese. La cattiva notizia è che, negli ultimi giorni, la curva della probabilità di default dà segni di voler rialzare la testa.

 

 

Ci risiamo, di nuovo si parla del rischio della fine dell’euro, e questa volta a farlo è addirittura il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy. I motivi sono noti: dopo che la Grecia ha mancato, seppur di poco, gli obiettivi di riduzione del disavanzo concordati con il Fondo monetario e l’’Europa, si sono improvvisamente materializzati gli incubi sulla solvibilità d’’Irlanda e Portogallo, che appaiono i prossimi probabili clienti del nuovo Fondo europeo di stabilità finanziaria (Efsf). Per l’’Irlanda si prospetta un pacchetto di aiuti di 50-100 miliardi euro messo a punto da Unione Europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale.

DEBITO PRIVATO E PUBBLICO

I problemi irlandesi non provengono direttamente dallo Stato, ma dalle banche che con investimenti irresponsabili hanno alimentato una bolla immobiliare, per poi ritrovarsi insolventi. Il governo, nel tentativo di salvare il sistema bancario, ha aperto una voragine nei conti pubblici (il deficit è al 32,5 per cento del Pil), e non ha oggi le risorse per salvare le banche dalla bancarotta senza rischiare la propria (o quella di entrambi). Il debito pubblico irlandese è, infatti, piuttosto basso (64 per cento del Pil nel 2009, vedi tabella 1) e non presenta problemi di finanziamento nei prossimi mesi. Al contrario, il debito privato, che somma quello di famiglie, istituzioni finanziarie e non finanziarie, ammonta a quasi nove volte il Pil. Ne segue che la soluzione alla crisi richiederà diversi passi. Nell’’immediato la Bce, che già finanzia le banche irlandesi a tassi molto bassi, dovrà garantire i depositi per evitare il pericolo che una corsa agli sportelli e una fuga di capitali portino al collasso del sistema finanziario e dell’’economia reale. Si dovrà poi porre mano a una drastica ristrutturazione del debito bancario, che, “ripulendo” i bilanci, chiuda le “banche zombie” e coinvolga nelle perdite i grandi creditori privati. Non è sorprendente che i severi piani d’’austerità fiscale previsti dal governo (tagli per il 3,8 per cento del Pil nel 2010, e per circa il 5,5 per cento nel biennio successivo) non siano bastati a rassicurare i mercati. Sono necessari, ma del tutto insufficienti a evitare il crollo del sistema.

Leggi anche:  Commissione-AstraZeneca: le difficoltà di una causa

Tabella 1

Fonte: Decisione di Finanza Pubblica 2011-13

L’’ITALIA E IL CONTAGIO

Come per il caso della Grecia, la nostra maggiore preoccupazione riguarda il rischio di contagio. La figura 1 mostra l’andamento dei differenziali d’interesse dei titoli decennali dei “porcelli” (Piigs) rispetto ai titoli tedeschi. Gli spread di Grecia, Irlanda e Portogallo, in costante crescita da aprile si sono impennati a partire da novembre. È interessante notare che i riflessi sull’Italia (e sulla Spagna) sono finora stati contenuti, anche se il differenziale italiano, che era all’’1,3 per cento il 20 ottobre ha quasi raggiunto il 2 per cento nei giorni scorsi.

Figura 1: Spread sui Bund a 10 anni

Fonte: DataStream

Un quadro simile emerge anche dai contratti dei credit default swap (Cds) sui titoli del debito sovrano, i cui premi assicurano contro l’’insolvenza degli Stati. Da questi si possono ricavare le probabilità di default implicite nei prezzi di mercato. L’’andamento delle probabilità d’’insolvenza è descritto nella figura 2.

Figura 2: Probabilità cumulata di insolvenza implicita nei Cds a 5 anni

Fonte: DataStream, elaborazioni di Giulio Trigilia

La buona notizia è che il mercato dei Cds assegna oggi al fallimento dell’’Italia nei prossimi cinque una probabilità notevolmente più bassa (intorno al 12,5 per cento) rispetto a quella di Irlanda (38 per cento) e Portogallo (30 per cento), e che l’impennata della percezione del rischio avvenuta in novembre non sembra avere significativamente contagiato l’’Italia. La cattiva notizia è che, negli ultimi giorni, la curva della probabilità di default dà segni di voler rialzare la testa.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Un vincolo giuridico ostacola le mosse della Bce

Precedente

Ma quanto incasseremo dal digitale terrestre?

Successivo

Perché i nostri conti pubblici sono opachi

  1. riccardo Perrone

    E’ necessario che il paese generi un avanzo primario significativo. Occorre smobilizzare il patrimonio. Non e’ possibile tagliare linearmente tutti i capitoli di spesa. Bisogna fare un lavore di efficentamento e prioritizzazione della voci di spesa dello stato e fare investimenti sul futuro di questo paese vendendo il patrimonio. Sono anni che il ministro Tremonti ragiona in termini di stato patrimoniale e conto economico dello Stato, ma ancora non e’ riuscito a valorizzare niente.

  2. Vittorio

    Presumo che le stime delle probabilità di insolvenza siano state fatte assumendo recovery rates costanti sia nel tempo, sia lungo la curva per scadenze dei CDS. Se così è, allora l’aumento dei CDS da fine ottobre ad oggi verosimilmente non riflette solo un aumento delle probabilità di insolvenza, ma anche una diminuzione dei recovery rates assunti dal mercato in considerazione di quanto espresso dal Governo tedesco.

  3. filippo aleati

    Mi domando se e per quanto puo’ funzionare il debito crescente di tutti gli stati, se sono tutti cicale chi sono le formiche?

  4. Sam

    Leggo testualmente dalla conclusione: "La buona notizia è che […] fallimento dell’Italia nei prossimi cinque [ha] una probabilità […] intorno al 12,5 per cento". Beh, che dire… wunderschön, se questa è la *buona* notizia, cioè che c’è 1/8 di probabilità di fare bancarotta, allora chissà quella *cattiva*…
    P.S. per Filippo Aleati: il debito crescente di tutti gli stati può funzionare fin tanto che sono disposti ad acquistarne i titoli i risparmiatori (nazionali o esteri) e gli investitori (privati o istituzionali); e quando tutti questi non sono più disposti… c’è pur sempre una banca centrale che può comprarlo stampando ad libitum dei foglietti di carta colorata, come ben ci insegna Zio Robert in Zimbabwe.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén