Lavoce.info

I veri numeri della manovra: aggiornamenteo

Con qualche giorno di ritardo rispetto all’approvazione da parte del Senato del maxi-emendamento alla manovra finanziaria, il servizio studi ha finalmente reso disponibile la tabella riassuntiva sugli effetti degli emendamenti sui saldi e la composizione del provvedimento originariamente presentato dal governo. I senatori hanno così votato al buio, non avendo a disposizione le informazioni essenziali per orientare il proprio voto.
Qui sotto riproduciamo la nuova tabella e la compariamo con quella predisposta all’atto del varo del decreto 78 del 31 maggio 2010.
Il dato più eclatante è che non ci sono variazioni di rilievo tanto nei saldi che nella composizione della manovra. Questo è tanto più sorprendente in quanto la Commissione Bilancio di Palazzo Madama ha introdotto numerose modifiche al testo originario, in particolare con gli  emendamenti ai primi 14 articoli del decreto. Ad esempio, l’articolo 5 ripristina le indennità per i consiglieri circoscrizionali inizialmente abrogate dal Governo. Stupisce che tutte queste deroghe non abbiano comportato alcuna variazione nel contributo offerto dai tagli di spesa alla manovra. Non c’è traccia, peraltro, di altri provvedimenti che abbiano compensato questi minori risparmi. Il cambiamento più rilevante introdotto dal Senato  è, comunque, la rimozione dell’obbligo per il contribuente di versare la somma contestata dallo Stato in caso di contenzioso tributario. La norma è stata (peraltro giustamente) resa meno restrittiva e pesante sotto le pressioni di Confindustria e altri gruppi di interesse. Ma ovviamente questo ammorbidimento non può che ridurre il contributo delle entrate alla manovra e in modo non marginale. Come mai non c’è traccia neanche di questo cambiamento nelle tabelle di sintesi che corredano la manovra?

 

  2010 2011 2012
Totale contributo spese -686 7941 14874
(in % alla manovra)   66% 60%
Totale contributo spese -662 7958 14891
(in % alla manovra)   66% 60%
di cui      
Tagli ministeri e PCM 45 1415 2050
Costi politica  
Soppressione enti 2 2
Congelamento contratti PI 5 7 312
Blocco automatismi stipendiali biennio 2011-2012   47,9 87,1
Buonuscita 100 400 240
Fondo Contratti – limite 3,2% rinnovi conttrattuali 4,9 4,9 4,6
Contratti TD e collaborazioni   54,7 51,5
Limitazioni trattamenti in servizio   8,1 4
Mancata corresponsione IVC 2012   2,2 307,5
Pro-rata anzianità contributive maturate dal 2011     1
Responsabili diretta collaborazione   0,8 0,7
Pensionamento di vecchiaia ordinario e per il pensionamento anticipato   360 2600
Riduzione trattamenti economici sup 90.000euro   24,7 23,4
       
Blocco assunzioni e turnover AC 59 85
Turnover personale AC 4,3 33,4
       
Personale sanità 246 628
Personale sanità 246 628
       
Blocco carriere (scuola e PS) 644 417
Blocco automatismi stipendiali  – Istruzione 175,1 329,6
Indennità e riordinoDifesa 442,2 19,6
Tagli spesa farmaceutica 580 580
Pensioni e TFR 760 2841
Regioni 4000 4500
Comuni 1500 2500
Province 300 500
Regioni SS 500 1000
Spese aggiuntive -736 -2072 -541
       
Totale contributo entrate 693 4095 10091
(in % alla manovra)   34% 40%
Totale contributo entrate 693 4095 10091
(in % alla manovra)   34% 40%
di cui      
Lotta all’evasione 415 5325 7781
Potenziamento Processi di accertamento 51 2124 4592
Misure antievasione 355 3191 3,179
       
Pedaggi e altre entrate non fiscali 141 1288 912
Canoni e concessioni stradali 83 768 315
       
Altre entrate 137 -2518 1399
       
       
Totale manovra 7 12036 24965

Precedente

Stress test: quanto credibili?

Successivo

La risposta ai commenti

  1. graziano

    Ma la politica in soldoni quanto dà complessivamente alla manovra? E le banche che qualche peccattuccio ce l’hanno cosa danno alla soluzione dei problemi della nazione?

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén