logo


  1. Ricardo_D Rispondi

    Condivido l'analisi. Alcune considerazioni sul ruolo delle autorità indipendenti. Con la nascità della Cee e l’abbattimento delle barriere nell’unione si presentò l’esigenza di designare dei tutori delle “regole del gioco” indipendenti dal potere esecutivo perchè spesso questo è esercita influenza su uno o più “giocatori” (finanza, energia, telecomunicazioni, trasporti,...). In Italia questo è coinciso con il passaggio politico di tangentopoli e la fine del partitismo antica maniera. Dopo circa 10 anni mi rendo conto che: 1. queste autorità si moltiplicano forse perchè l’aggettivo “indipendente” piace, ma credo che sia più causa della scarsa fiducia nel ruolo che la politica dovrebbe avere nel “governo della società”. 2.la carenza di “accountability” durante i loro mandati porta spesso a guide personalistiche e comunque aperte alla lobby dei “giocatori del mercato”. 3.l’indipendenza dall’esecutivo di questi arbitri va riducendosi; spesso si assiste a battaglie Unione/Stato Membro sull’indipendenza di questi organismi e spesso l’Europa soccombe. Gli stress test, il ruolo delle autorità nazionali ed europee e la credibilità dei risultati sono per me un esempio di questo problema.

  2. Fabio Scacciavillani Rispondi

    Questi stress tests per essere credibili dovrebbero essere condotti da un'autorità indipendente. E' grave che le autorità di supervisione nazionali non possano essere considerate tali e che neanche la BCE, avendo acquistato titoli dei governi in difficoltà (anzi nel caso della Grecia in bancarotta) sia credibile. Rimangono i dubbi sulle Landes banken tedesche e sui titoli più o meno tossici. Temo ci vorrà ben altro che una mano di vernice burocratica per ristabilire la fiducia nel settore bancario europeo.

  3. marco parigi Rispondi

    Già ora, però, con l'eccezione di sei banche tedesche (che inevitabilmente attireranno sospetti), tutti gli istituti oggetto di stress-test hanno pubblicato l'intera lista della propria esposizione verso il debito sovrano dei paesi europei. La pubblicazione era parte integrante dell'accordo raggiunto sui test. Va anche detto che, almeno per quanto riguarda Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda, le esposizioni erano già ben note, essendo state comunicate da quasi tutti durante le presentazioni dei risultati del primo trimestre a Maggio.