logo


  1. Federico De Vita Rispondi

    Ma gli assi delle ordinate nelle figure 2 e 3 sono gli stessi? Cosi' sembrerebbe da quanto scritto a fianco degli assi stessi, ma poi non si capisce come mai le ordinate dei paesi cambino da una figura all'altra. Ad esempio, l'Indonesia ha "Alfabetizzazione Finanziaria - Differenza dalla Media" inferiore a -2 nella figura 2 e poi passa ad avere lo stesso (?) valore pari a poco piu' di 0 nella figura 3. C'e' qualcosa che non capisco...

  2. Francesco Laccetti Rispondi

    “L'Italia si trova in fondo alla graduatoria internazionale perché investe poco in istruzione, omissis.. economiche e finanziarie dei lavoratori.” Si investe poco nell’istruzione, ma si investe certamente male. Ho ascoltato diverse trasmissioni radiofoniche che hanno spesso contribuito alla confusione. Ad esempio, si potrebbe dire, parlando dei fondi pensione: cari lavoratori i fondi rendono più del Tfr. Ogni fondo di categoria ha tre tipi di fondi. Il primo serve per i più giovani, investe prevalentemente in azioni e perciò viene definito ad alto rischio. Il rischio diventa zero per i giovani perché il loro investimento rimarrà nel fondo 25, 30 o 40 anni. Ecco perché è un fondo suggerito ai giovani. Il secondo investe in azioni (poche), obbligazioni e simili perciò viene tecnicamente definito a medio rischio. È consigliato a chi non è tanto lontano dalla pensione, diciamo che ha superato la metà della sua vita lavorativa. C’è meno tempo per assorbire le oscillazioni dei mercati e quindi può essere utile utilizzare un fondo a medio rischio. Il terzo fondo ecc. Utilizzando un fondo pensione, il datore di lavoro paga, contribuisce al vostro fondo più che al Tfr.