Lavoce.info

UN FONDO NON RISOLVE LE CRISI

L’idea di tassare il settore finanziario riscuote un successo crescente. Sembra un modo conveniente per accantonare le risorse per sostenere il costo della prossima crisi. Invece si crea una promessa implicita di salvataggio. Per limitare le perdite dei fallimenti bancari è meglio imporre ai supervisori di intervenire con adeguate azioni correttive non appena il capitale di una banca scende al di sotto di soglie prestabilite. E se non può essere ricapitalizzata, allora deve essere riorganizzata, direttamente dall’autorità di supervisione.

Da quando l’instabilità finanziaria è divenuta meno acuta, riscuote successo crescente tra i policy maker e l’opinione pubblica l’idea di far pagare al settore finanziario i costi di salvataggio sostenuti dai contribuenti.

TASSE SULLA FINANZA

La Francia e il Regno Unito hanno introdotto una tassa temporanea sui bonus dei manager del settore finanziario, il governo degli Stati Uniti ha proposto una legge che prevede una Financial Crisis Responsibility Fee per coprire i costi del programma Tarp. Si discute anche, tra gli esperti della materia, su come riformare la tassazione del settore finanziario, che è in media più leggera rispetto agli altri redditi di impresa e favorisce eccessivamente l’indebitamento rispetto al capitale proprio.
Tuttavia, un tributo in somma fissa per recuperare i costi passati non modifica gli incentivi del settore finanziario all’assunzione di rischi eccessivi. Inoltre, non è chiaro precisamente quali costi occorra recuperare: mentre i costi fiscali diretti per sostenere il settore finanziario ammontano mediamente a circa il 2,5-3 per cento del Pil nei paesi sviluppati (con picchi intorno al 4,5 per cento), l’impatto fiscale totale della crisi risulta molto più ampio, corrispondendo all’aumento totale atteso dei debiti pubblici ovvero, secondo stime attendibili, a circa il 40 per cento del Pil. Ancora più elevato è il costo totale sostenuto dall’economia – includendo le perdite cumulate di output e posti di lavoro e la conseguente distruzione di capitale materiale e immateriale – che secondo alcuni autori raggiungerebbe un multiplo del Pil annuale. (1)    
Più recentemente, il dibattito ha cambiato binario. Tassare il settore finanziario è ora visto come un modo conveniente per accantonare risorse sufficienti per sostenere il costo della prossima crisi finanziaria: creando un resolution fund – e connesse procedure di risoluzione della crisi – il quale dovrebbe sostenere le perdite residue derivanti dal fallimento di un grande istituto, una volta azzerato il capitale e, presumibilmente, anche le pretese dei creditori, ad eccezione dei depositanti (su questo, alcune proposte sono ambigue, lasciando spazio almeno per qualche sgravio per i creditori). Una proposta di questo tipo è stata presentata dal Fmi ai leader del G20 in occasione della riunione a Washington in aprile. (2) Un’altra è stata recentemente adottata dal Comitato per gli affari economici e monetari del Parlamento europeo. (3)
Queste proposte sono mal concepite e vanno respinte.

UN FONDO DA BOCCIARE

Due sono le obiezioni principali. La prima è abbastanza ovvia: qualsiasi fondo costituito ex-ante per pagare la crisi di un istituto finanziario crea una promessa implicita di salvataggio che prima o poi qualcuno cercherà di incassare. Se il fondo è pubblico, esso incoraggerà i beneficiari privati a comportarsi da free rider a danno del contribuente, come è avvenuto nella crisi recente; se è finanziato privatamente, gli imbroglioni tra i banchieri cercheranno di scaricare i costi dei propri comportamenti sui banchieri onesti. L’unico modo per evitare questo risultato indesiderabile è di escludere, in maniera credibile, qualsiasi sostegno in favore di azionisti e creditori di un istituto finanziario in caso di fallimento. Questi non dovrebbero nutrir dubbi sul fatto che nessuno andrà in loro soccorso: solo così avranno incentivi sufficientemente forti per controllare strettamente il management e l’assunzione dei rischi nelle banche possedute o con le quali entrano in relazioni di credito. La mancanza di ogni pietà, al riguardo, è la prima condizione per rimuovere la sindrome del “too big to fail” dai sistemi finanziari.
Se si accetta l’idea che azionisti e creditori non meritano alcun sostegno, il resolution fund diventa semplicemente un meccanismo di assicurazione sui depositi. I depositanti sono gli unici creditori nel sistema finanziario che meritano una se non totale, quantomeno ampia protezione contro gli errori dei loro banchieri. La fonte principale di instabilità sistemica nei sistemi finanziari è l’eccesso di indebitamento e il credito imprudente da parte degli istituti di deposito. Le quote per l’assicurazione dei depositi sono lo strumento appropriato per tassare le banche sia per la loro intrinseca rischiosità, sia per i rischi che possono scaricare sul resto del sistema. Tocca poi ai regolatori di assicurare che i banchieri non abusino dei privilegi connessi alla licenza bancaria assumendo rischi eccessivi con il denaro dei depositanti – che invece è precisamente dove i regolatori hanno clamorosamente fallito, aprendo le porte alla crisi finanziaria.
Ciò mi porta alla seconda obiezione all’idea di un resolution fund, spesso meno riconosciuta: la ragione per cui le perdite del settore bancario (e delle quasi-banche di Wall Street) sono divenute così ingenti nella recente crisi finanziaria è che i supervisori hanno chiuso entrambi gli occhi sui misfatti dei banchieri, per lasciarli competere con successo nei mercati internazionali, o più semplicemente perché ne erano stati “catturati”. Se i supervisori si comportassero in maniera appropriata, grandi perdite residue da parte di istituti in fallimento – una volta azzerati il capitale e i crediti diversi dai depositi – diventerebbero meno probabili. Il modo principale per limitare le perdite residue dei fallimenti bancari è di imporre ai supervisori di intervenire con adeguate azioni correttive tempestive, appena il capitale di una banca sotto la loro supervisione scende al di sotto di soglie prestabilite. Come appunto avviene negli Stati Uniti con la “prompt corrective action” della Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic).
Se la banca non può essere ricapitalizzata, allora essa deve essere riorganizzata, venduta a pezzi o liquidata direttamente da parte dell’autorità di supervisione: qui è dove la possibilità di disporre di efficaci procedure di risoluzione delle crisi bancarie diventa cruciale.
In conclusione, il punto chiave da ritenere è che un’esposizione sconsiderata da parte della banche non è possibile in un sistema nel quale gli azionisti e i creditori sanno che non saranno salvati e non è permesso ai supervisori di “scommettere sulla risurrezione” delle istituzioni da loro controllate, ma piuttosto sono obbligati a richiamarle prontamente all’ordine quando queste iniziano a indebolirsi.
Nella costruzione di un sistema regolatorio forte e coerente per i mercati finanziari, l’idea di un resolution fund è, nel migliore dei casi, una distrazione, nel peggiore, una promessa di nuova instabilità finanziaria.

(1) Vedi A. G. Haldane, The 100 Billion Question, Bank of England, marzo 2010.
(2) A Fair and Substantial Contribution by the Financial Sector – Interim Report for the G-20, aprile 2010.
(3) Vedi la proposta rivista sulla legislazione Esma, Articolo 12d che istituisce un “Fondo di stabilità”.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Moratoria sì, moratoria no in tempi di pandemia

Precedente

PAROLA D’ORDINE: STABILITÀ

Successivo

NIENTE INGLESE, SIAMO BUROCRATI

  1. PDC

    Questo modo di ragionare, che definirei “da libero mercato”, apparentemente ineccepibile, contiene delle assunzioni implicite che si rivelano spesso false nella realtà. Quando la prevenzione di un comportamento irresponsabile da parte di una banca è affidata alla concreta possibilità di subirne le conseguenze negative, si deve presupporre che: a) gli individui responsabili dei processi decisionali subiscano personalmente tali conseguenze b) sia accettabile per la società il fallimento della banca stessa Se alla parola “banca” sostituiamo parole come “negozio”, “piccola impresa” e simili, è evidente che l’ipotesi a) è spesso (ma non sempre) verificata, la b) lo è sempre. Nel caso delle banche direi che a) è sempre falsa, b) quasi sempre. Conclusione: la prevenzione deve fare ricorso a strumenti diversi da quelli proposti nell’articolo.

  2. Giuseppe Caffo

    Ottimo articolo condivisibile. Aggiungerei una cosiderazione:andrebbero aumentate sostanzialmente le riserve delle banche,in proporzione alla loro grandezza. Più una banca è grande,più deve avere riserve a garanzia delle proprie esposizioni. Forse gli utili diminuirebbero,ma le banche sono chiamate a svolgere un ruolo molto delicato nelle moderne economie. Sui supervisori ho qualche dubbio. Sarebbero probabilmente di nomina politica ed è proprio nella commistione tra finanza e politica che vedo i maggiori rischi.

  3. Marcello Tava

    Mi ha incuriosito leggere in sequenza questo articolo e quello di Veron ("L’immobilismo che costa caro"), dove tra l’altro si dice: "Per la verità, alcune banche europee hanno ottimi bilanci, ma la forza del sistema nel suo complesso si giudica dai suoi anelli più deboli, e in questo caso non sappiamo neanche quali siano". Se nemmeno gli addetti ai lavori sanno quali siano gli anelli deboli cosa distingue per un medio risparmiatore l’investimento su titoli finanziari da una lotteria? Quali leggi consentono al medio risparmiatore di districarsi nella complicatissima rete di dipendenze del mercato globale? E cosa si intende con "imporre ai supervisori di intervenire con adeguate azioni"? Si può "imporre" l’onestà in un paese che ha depenalizzato il falso in bilancio?

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén