Lavoce.info

DE MINIMIS

Il 29 marzo mattina ho dato un’occhiata on line ai movimenti recenti del mio conto corrente bancario (Banca Intesa San Paolo). Ho subito notato una piccola serie di annotazioni curiose: un assegno compare come versato e in entrata, quattro giorni dopo ricompare in uscita (“impagato”) e di nuovo in entrata, ma accompagnato da una commissione di 7 euro (“in Ct segnalati impagati”). Dovendo comunque passare per l’agenzia, decido di chiedere delucidazioni al direttore, che conosco come persona gentile e competente. Il direttore controlla subito l’assegno incriminato e mi comunica che il doppio giro non era nato da mancanza di copertura sul conto da cui l’assegno era stato tratto, ma solo da problemi di gestione dei codici ABI della Banca Regionale Europea (BRE). Questa è entrata a far parte del gruppo UBI già nell’aprile 2007, ma dichiara: “il 25-26 gennaio 2010 si è concluso con successo il piano di ottimizzazione territoriale a seguito del quale Banca Regionale Europea conta ora 225 filiali distribuite sul territorio di riferimento”. Evidentemente, l’ottimizzazione non deve essere del tutto riuscita. Ma il problema non è questo. Chiedo al direttore della mia agenzia perché debba essere il cliente di Banca Intesa San Paolo (cioè io) a pagare per la mancata ottimizzazione di BRE. Mi viene spiegato che un assegno “impagato” di piccolo taglio deve essere inviato materialmente alla banca da cui è tratto (se è di taglio superiore ai 3000 euro viene inviato comunque e non si paga nulla!). Questa attività, affidata a un service provider esterno, ha un costo, da cui l’addebito di 7 euro sul mio conto. Mi viene anche detto che posso chiedere io stesso il rimborso dei 7 euro a chi mi ha dato l’assegno (peraltro, incolpevole e ignaro di tutto) o alla BRE. Faccio presente che mi sarei aspettato una mossa della mia banca a tutela del suo cliente. Un sorriso imbarazzato del direttore mi fa capire quanto sono ingenuo. Dovrei sapere che banca non morde banca! È così facile rifarsi sui propri clienti: c’è anche il caso che non se ne accorgano. Ma l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ne sa nulla?

Leggi anche:  Banche e virus: la resa dei conti è solo rinviata

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

GIUSTIZIA ED ECONOMIA: DUE MONDI SEPARATI

Successivo

TASSA ABOLITA, CASA PIÙ CARA

  1. Guglielmo Vitrano

    E’ una cosa ingiusta: con questo gioco, mensilmente pago sul conto decine di euro…Stessa Banca.

  2. Andrea

    Non mi stupisce, più sono grandi e più se ne approfittano: dalla stessa Banca Intesa la mia banca ha ricevuto dopo 120 giorni (sì, 120 giorni) comunicazione di una cambiale protestata, che sia lo stesso provider esterno a inviare le cambiali? Comunque per gli storni e riaccrediti di assegni non pagati in prima presentazione la mia banca non mi applica commissioni, certo è molto più piccola di Intesa.

  3. 7 euro in conto e nessuno mi dice niente (cassa di riparmio del veneto)

    Anche io ho dovuto pagare 7 euro senza saperne il perché. Ci tenevo a sottolineare che gli assegni erano una parte di tfr che mi deve ancora arrivare tutta ci ho messo tre anni e devo aspettare ancora per il resto ma vi pare che sul mio tfr tra tasse avvocati irpef e altro debba subire cosi tanto io che lavoro in una cooperatva dove non ci danno diritti neanche di ammalarci. Voglio la guerra, tanto alla fame ci arriviamo uguale.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén