logo


  1. Pasquale Ragone Rispondi

    On. Tanzi, ho letto la sua intervista su PANORAMA e le vorrei dire che ha davvero ragione quanto alla professione notarile. Sono un giovane 29enne, avvocato del foro di Bari, ed avendo intrapreso dopo la laurea la strada notarile, ho potuto vedere tutto ciò che c'è dietro, nonchè capire le varie lacune del sistema.......Se le dovesse far comodo sarei ben lieto, a nome di tantissimi giovani presi in giro e che hanno buttato anni e anni della loro vita sui libri, a mettere a disposizione quanto da me appreso in questi anni, al fine di iniziare a delineare una prospettiva di riforma, che faccia bene al mercato (creando un pò di concorrenza) e che crei un numero maggiore di possibilità lavorative per una miriade di giovani italiani davvero in gamba. Tuttavia ardua impresa sarà per il governo Monti riuscire a dare una prospettiva di riforma a riguardo, dovendosi egli scontrare nel Parlamento con politici che, oltre ad essere non all' altezza della posizione ricoperta, nella maggior parte dei casi sono legati da patti di sangue con la casta notarile che, si sà, rimane una delle più forti ma allo stesso tempo più inutili della nostra malata Nazione. Distinti saluti, Pasquale Ragone.

  2. domenico Rispondi

    Caro Prof. grazie per la sua risposta. Sono consapevole delle difficoltà politiche della proposta, ma ogni proposta è costretta ad affrontarle e superarle. Io credo che tutte le analisi e l'impasse delle proposte all'ordine del giorno, scontano la dipendenza dall'ideologia monetarista che ha imperato finora nelle istituzioni, e che secondo me dovrebbe essere abbandonata. Trovare intelligentemente la combinazione e interazioni di vari strumenti per vari problemi e obiettivi. Lei sicuramente non sarà d' accordo, ma per risolvere ora i problemi dell'euro e della Grecia, si potrebbe ricorrere al finanziamento monetario degli investimenti pubblici decisi in ambito UE, in % uguali per tutti. Si alleggerirebbero le politiche di rientro dai deficit rendendole politicamente sostenibili, e la garanzia del debito aiuterebbe la stabilità finanziaria. L'inflazione? Lungo discorso, questa non dipende da stock (MS e LM), ma da flussi di domanda e offerta di beni e nello scenario attuale non ci sarebbero molti problemi. Poi si devono risolvere problemi attuali gravissimi e non temere eventuali problemi futuri (ce ne sarebbero sempre). Si veda poi l'analisi di Blanchard. Una provcazione da discutere. Grazie.