Prendersela con “gli economisti” è un po’ come prendersela con “i medici”, “i giornalisti” o qualunque altra categoria. Fa di tutte le erbe un fascio, mette insieme quelli competenti e gli incompetenti, quelli che si occupano di sport, di spettacolo, di cronaca o di politica internazionale. Gli economisti non sono tutti uguali. Facciamo tante cose diverse, alcuni di noi si occupano di finanza, altri del sistema economico nel suo complesso, altri di specifici settori o specifici problemi (che so? dall’ambiente all’antitrust). Insultare in blocco “gli economisti” per non avere previsto la crisi finanziaria americana ha tanto senso quanto dire che dobbiamo insultare “i biologi” per non avere previsto l’insorgere del morbo dell’Aids.
Ricordare i fatti aiuta sempre. Un pesante rallentamento dell’economia era già stato ampiamente previsto, in Italia e altrove; qualcuno addirittura parlava di recessione, e tipicamente era etichettato come un corvaccio. Ciò che era stato previsto solo da pochi era la gravissima crisi finanziaria americana, che ha trasformato il rallentamento nella peggiore recessione del dopoguerra. E solo chi si occupa di finanza – e soprattutto chi se ne occupa negli USA – avrebbe potuto (e forse dovuto) farlo.
E infatti alcuni economisti del settore avevano dato l’allarme. Ad esempio, lo aveva fatto uno come Nouriel Roubini, economista di origine turco-italiana che insegna a New York, quello che nel 2006 a Davos Tremonti invitò a “tornarsene in Turchia” perché osò criticare la politica economica del governo di allora. Altri ancora, e tanti, hanno criticato la leggerezza con la quale l’amministrazione di Bush e il Governatore Greenspan gestivano i mercati finanziari, cosa che ha grandemente contribuito alla crisi. Forse Tremonti vorrà zittire anche chi disse che quella amministrazione sarebbe stata ricordata come una delle migliori della storia?
Le polemiche mi interessano poco, e anche per questo ho preferito non sottoscrivere l’appello dei colleghi. Ma hanno ragione da vendere.
Per carità, molti economisti che avrebbero forse potuto prevedere la crisi non la hanno prevista. E lo sanno benissimo, tanto che al Festival dell’economia di Trento sono stati loro stessi (molti dei firmatari della lettera) a organizzare un vero processo pubblico alla professione.
Ma da qui a dire “tacete” ce ne passa. Sarò un passatista, ma amo il dialogo e mi turba chi cerca di zittire gli altri, soprattutto in un paese ove quello che manca è proprio il dibattito sereno sui problemi concreti. Io vorrei un paese nel quale gli esperti si confrontano e dicono la loro. Soprattutto, vorrei un sistema politico, nel quale i governanti cercano mille opinioni per formarsi la loro. Forse sarò ingenuo, ma quando vedo un ministro che chiede agli esperti di tacere non capisco perché lo faccia.
Solo chi crede di avere la verità rivelata in tasca non è interessato al confronto. E non vedo nessuno che abbia questa verità. Ho il massimo rispetto per il Ministro Tremonti, eccellente giurista esperto di imposte, con ampie competenze nella sua materia. Ma su questi temi Tremonti si contraddice. Afferma che ci troviamo in una “terra incognita”, in un periodo di grande confusione e poche certezze, ma poi non ritiene di doversi confrontare con nessuno. Se fosse veramente coerente con quanto afferma, allora non dovrebbe zittire nessuno, dovrebbe invece chiamare a raccolta tutte le energie migliori del paese.
Amo il confronto, e rispetto le competenze. E’ per questo che se ho una malattia vado da un medico. So che alcuni medici possono commettere errori, ma dilettanti e guaritori non mi interessano.

Leggi anche:  Piattaforme digitali e libertà di espressione: l’ora zero

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!