Lavoce.info

LA RICERCA DIMENTICATA

La manovra approvata dal Consiglio dei ministri contiene una serie di interventi per il sostegno alle imprese. Ma nulla cambia per gli investimenti in ricerca e innovazione. Le agevolazioni continuano a essere governate da un meccanismo complesso di prenotazione e autorizzazione che non dà alcuna garanzia alle aziende. Manca il ritorno all’automaticità del credito d’imposta chiesto da Confindustria. A parole, tutti continuano a dirsi convinti che ricerca e innovazione sono vitali per la crescita del paese. Ma agli annunci non seguono comportamenti coerenti.

 

Nelle scorse settimane, Confindustria aveva presentato una serie di richieste all’esecutivo. Erano volte a sostenere i processi di crescita e di innovazione delle imprese, al fine di aiutarle ad affrontare il grave momento di crisi e rilanciarne la competitività grazie a nuovi processi, servizi e prodotti. In particolare, in diversi interventi, Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, Federica Guidi, presidente dei giovani imprenditori, e Diana Bracco, presidente di Assolombarda e vicepresidente di Confindustria con delega per la ricerca e l’innovazione, hanno riaffermato con forza la centralità delle attività di ricerca e innovazione per le imprese .

IL CLICK DAY DELL’INNOVAZIONE

Una delle richieste al governo più pressanti e rilevanti riguardava il credito di imposta per la ricerca e l’innovazione. Introdotto nel 2007 come meccanismo automatico, il credito costituisce nei fatti l’unico strumento efficace e concreto per sostenere i processi di innovazione delle imprese. Purtroppo, nel decreto legge anticrisi dello scorso anno è stato trasformato in un meccanismo abbastanza complesso che richiede una prenotazione e una esplicita autorizzazione da parte del ministero all’utilizzo del credito. Di fatto, non è più automatico, e questo lo rende molto meno appetibile per le imprese perché non sanno se e quando potranno contare su quelle risorse nel loro conto economico.
Il 6 maggio si è tenuto il cosiddetto “click-day”: tutte le imprese richiedenti hanno sottomesso la propria domanda di prenotazione dei fondi. Le somme a disposizione si sono esaurite in circa 30 secondi. (1) E oltre 10mila imprese che alla data del 29 novembre 2008 avevano avviato investimenti, si sono viste negare l’agevolazione per carenza di fondi. Come ricorda Il Sole 24Ore, "la gara è stata giocata sul filo del secondo, sulla migliore connessione internet e su un alto elemento di casualità (…) con buona pace della trasparenza amministrativa".
I vertici di Confindustria hanno dunque chiesto di ripristinare il credito di imposta nella sua formulazione originaria, con il meccanismo automatico di erogazione. Ora, la manovra appena approvata dal Consiglio dei ministri contiene una serie di interventi per il sostegno alle imprese. E in molti hanno sottolineato la rilevanza della cosiddetta "Tremonti-ter", la norma che introduce una detassazione degli utili reinvestiti nell’impresa. Ma come hanno notato Silvia Giannini e Maria Cecilia Guerra, il provvedimento in realtà riguarda la detassazione di investimenti comunque effettuati, e va a vantaggio sostanzialmente delle industrie del settore meccanico. Per quanto riguarda il credito per la ricerca e l’innovazione, nel provvedimento approvato dal governo non vi è traccia di alcun correttivo alle procedure attualmente in vigore. Ancora una volta, mentre a parole si ripete che ricerca e innovazione sono vitali, decisive e irrinunciabili per favorire non solo l’uscita dalla crisi ma anche una reale prospettiva di sviluppo del paese, nei fatti mancano quelle iniziative e misure che traducano in pratica i tanti buoni intendimenti.

(1) La fonte è Il Sole 24Ore del 25/6/2009.

Foto: Robot Asimo (Honda), da internet

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Italia e Francia nello specchio del fisco

Precedente

LA RISPOSTA AI COMMENTI

Successivo

LA SOLITUDINE DELLE FAMIGLIE ITALIANE*

  1. marcello Romagnoli

    Non dovremmo parlare di questo perchè un paese privo di risorse naturali dovrebbe puntare tutto sulla ricerca e sviluppo. Però così siamo e dobbiamo trovare una soluzione. Una critica alle aziende, troppo spesso le vedo spendere fior di quattrini in marketing mentre quando occorre innovare il prodotto e il processo le corde della borsa si stringono. Credo che una maggiore convinzione vera dovrebbe crescere tra gli imprenditori in passato abituati ad aiuti di stato mascherati come finanziamenti a fondo perduto. Dove trovare soldi oggi? proporrei di tassare maggiormente le vendite e le plusvalenze di prodotti speculativi in modo da dirottare un pò di soldi verso l’economia vera. Istituirei così un fondo per la ricerca e sviluppo che però dovrebbe dare si i soldi, ma monitorare realmente il risultato dell’investimento con una restituzione dilazionata del prestito in modo che il fondo si autofinanzi. facciamo decidere dalle associazioni industriali quali progetti finanziare. Ricordo ancora che l’Europa finanzia molti progetti per le aziende, ma le PMI non vi attingono così finiamo a finanziare le aziende degli altri paesi.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén