Lavoce.info

UN ANNO DI GOVERNO BERLUSCONI – PARTE II

Proseguiamo il bilancio dei 12 mesi del governo in carica con una seconda serie di schede, ciascuna delle quali dedicata a una materia. Quali sono stati i provvedimenti dell’esecutivo? Quali i loro effetti nel tempo? E le occasioni mancate?

POLITICHE PER LE FAMIGLIE, di Daniela Del Boca
FEDERALISMO, di M. Flavia Ambrosanio e Massimo Bordignon
FISCO, di Silvia Giannini e Mari Cecilia Guerra
INFORMAZIONE, di Michele Polo
INFRASTRUTTURE, di Andrea Boitani
LAVORO, di Pietro Garibaldi
SANITA, di Nerina Dirindin e Gilberto Turati
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, di Carlo Dell’Aringa

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  No, la Rai non è la Bbc*

Precedente

IL COMMESSO DEL SENATO

Successivo

UN ANNO DI GOVERNO: ENERGIA E AMBIENTE

  1. Luigi Antonio Ciannilli

    Insomma, leggendo i commenti dei vostri. vari …esperti, su qualsiasi argomento, nulla di buono e costruttivo è stato finora operato da questo governo, in un anno. Neppure una lode, nonostante tutte le disgrazie mondiali e naturali abbattutesi anche ques’anno, come nel 2001. Per scrupolo, prima di scrivere questo breve commento, sono andato a visitare, grazie a Google, i curricula di questi professoroni, grazie ai quali il nome dell’Italia e, per alcuni di loro, anche l’ultimo Governo Prodi, ha volato molto, molto più in alto dell’attuale. E non vorrei aver letto male ma pare che perfino Marchionne, per quelli che prestano la loro prestigiosa opera di docenti all’università di Torino, se li sia litigati per riportare in auge la Fiat. …

  2. pietro

    Due cose che più mi preoccupano oggi nel governo Berlusconi, è il sentirsi al di sopra della legge, e il modo in cui manipola la sua concentrazione di media senza precedenti nella storia del mondo. Quando parlò all’ONU, la tv italiana ha mostrato il suo discorso tra gli applausi scroscianti di una platea gremitissima, in realtà quella stanza era vuota e i tg nazionali hanno rubato la sequenza del battimani al segretario generale Kofi Annan. In qualsiasi altro paese una simile manipolazione avrebbe creato un tumulto nazionale invece stupisce come in Italia nulla sia accaduto. Riceve visite di minorenni, corrompe testimoni, e nelle sedi europee si limita a raccontare barzellette, non basta il cowboy che uccida il cattivo per far fiorire il bene.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén