Lavoce.info

UN ANNO DI GOVERNO BERLUSCONI – PARTE I

Come già abbiamo fatto per l’esecutivo guidato da Prodi, tracciamo un bilancio di quanto ha fatto o non ha fatto il Governo Berlusconi nel suo primo anno di vita. Una prima serie di schede, ciascuna dedicata a un tema, cercando di mettere in luce, in forma sintetica, i provvedimenti, i loro effetti nel tempo e le occasioni mancate. Nei prossimi giorni nuove schede per fornire un panorama quanto più completo su tutte le materie dell’azione di governo.

PENSIONI, di Agar Brugiavini
PRIVATIZZAZIONI, di Carlo Scarpa
SCUOLA, di Daniele Checchi e Tullio Jappelli
UNIVERSITÀ, di Daniele Checchi e Tullio Jappelli
MERCATI FINANZIARI, di Marco Onado
GIUSTIZIA, di Carlo Guarnieri
IMMIGRAZIONE, di Maurizio Ambrosini
EDILIZIA ABITATIVA, di Raffaele Lungarella

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  No, la Rai non è la Bbc*

Precedente

UNA NUOVA POVERTA’ ASSOLUTA

Successivo

MONOETNICI A CASORIA

  1. Ivano Gregorini

    Cito testualmente Clint Eastwood in Gran Torino (2008): "Quello che tormenta di più un uomo è quello che non gli è stato ordinato di fare". Chissà cosa tormenta di più i sonni dei politici al governo, fra quelle che NON hanno fatto. Il mantenimento dell’ICI sui più abbienti? La mancata (perchè è così, guardando i fatti) previsione della crisi? L’inadeguatezza a gestire la faccenda Alitalia, per cui noi adesso ci si deve guardare uno Spinetta gongolante alla televisione, dopo essersi succhiato parte del buono della ex compagnia di bandiera ed avere lasciato i debiti ai cugini d’oltralpe; a noi, mangiaspaghetti italiani? Io non credo più a quello che vedo, e non penso che questi signori si tormentino poi così tanto per quello che non hanno fatto. Forse perchè, credo, sono davvero convinti di essere degli statisti e di star facendo il bene dell’Italia. Forse sì, forse no. Nel caso di Brunetta, credo di sì.

  2. Cristiano

    Ma perché? Ai nostri ministri -e al nostro premier- frega qualcosa dell’Italia, degli italiani, dell’essere statisti o di quello che sarà il giudizio dei posteri e della storia? (certi manco sanno cos’è, la storia). Francamente l’unica cosa che sembra conti qualcosa per loro è incassare. Adesso partirà magari la solita accusa di qualunquismo, ma guardando, ad esempio, come sta andando a finire il disegno di legge sulla class action, approvato dal precedente governo, cos’altro si potrebbe dire?

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén