logo


  1. pippo Rispondi

    Rispettando le opinioni di ognuno, non credo che fare del bene deve essere solo se ricambiato. Sono donatore da diversi anni e partecipando a vari incontri di sensibilizzazione sulla donazione e documentandomi sullo svolgimento della stessa, ho domandato ad un responsabile di un noto ospedale di Roma: "negli ospedali della capitale vengono diversi cittadini Italiani di altre regioni, in particolare del sud, ed in quest'ultime, a mio sapere, il sangue ricevuto dalle donazione, alcune volte è superiore al fabbisogno, perchè, le ASL di competenza od il SSN non richiedono, a quest'ultime, di fornire le sacche del sangue superfluo?" Roma, necessita di una grande quantità di sangue, perchè oltre al fabbisogno dei romani, si aggiunge quello delle persone provenienti dalle altre regioni (non perchè gli mancano gli ospedali, ma perchè qui trovano, forse, le strutture migliori) oltre agli immigrati, pertanto ritengo doveroso, da parte delle Asl delle regioni interressate, partecipare al fabbisogno di quelle regioni in difficoltà, che dalle statistiche sono: Lazio e Sardegna (quest'ultima si può immaginare perchè). A risposta: "sarebbe bello, ma non è possibile, troppo complicato."