logo


  1. Gilberto R Rispondi

    Per dirla con C.S.Lewis, "il diavolo sta nei dettagli", in altre parole: se pensare a forme di inserimento che aiutino gli alunni stranieri a inserirsi nel percorso scolastico pare idea di buonsenso, molto dipende da come questa idea potrà essere concretamente realizzata. Anche se la proposta ufficiale ovviamente lo nega, conosco simpatizzanti leghisti che candidamente ammettono che obiettivo reale (o quantomeno propoagandistico) della mozione è quella di "togliere dalle nostre classi gli stranieri che rallentano l'apprendimento dei nostri ragazzi (italiani)"; in tal caso, non interessa tanto come satanno gestite le classi-ponte, importa separare gli stranieri. Se invece si ha a cuore l'integrazione e l'aiuto ai ragazzi più deboli (e allora meglio pensare agli stranieri ma anche agli italiani dei quartieri messi peggio) il come è fortemente legato alle risorse (anche economiche), iniziative, progetti con enti locali/servizi sociali ecc.per gestire l'inserimento; la mozione approvata quali risorse e iniziative propone?