Lavoce.info

QUANDO IL PREMIER DA’ CONSIGLI PER GLI ACQUISTI

Nei giorni scorsi il governo ha varato un piano di intervento le cui linee guida sono pienamente condivisibili, e che certamente ha rassicurato molti risparmiatori italiani. Purtroppo le dichiarazioni rese oggi pomeriggio dal Presidente del Consiglio rischiano di avere l’effetto opposto. Esse contengono due gravi errori.
Il primo errore consiste nell’accennare alla possibilità di sospendere le contrattazioni sui mercati, salvo smentire confusamente tale dichiarazione pochi minuti dopo. Chiudere i mercati in questo momento è come spezzare il termometro al capezzale di un malato con la febbre alta: così si finisce per non sapere più neanche quanto sia grave la sua malattia. Inoltre, imporre la chiusura dei mercati equivarrebbe a produrre la totale illiquidità dei titoli in un momento in cui tutto ciò che può dare liquidità è essenziale: ciò accescerebbe solo il panico in coloro che sono incerti se vendere o no i propri titoli, e farebbe sospettare ai risparmiatori che il governo stesso sia in preda al panico e alla confusione.
Il secondo grave errore è stato quello di consigliare ai risparmiatori di comprare azioni ENEL ed ENI. Non spetta al Presidente del Consiglio dare suggerimenti su quali società in cui investire i propri risparmi, specie considerato che in queste società lo Stato è l’azionista di controllo. Ciò rischia di turbare gravemente il normale funzionamento del mercato.
C’è da augurarsi che la Consob intervenga immediatamente, con grande chiarezza e decisione su entrambe le questioni. Il suo silenzio sarebbe gravemente colpevole, e fonte di ulteriore disorientamento per i risparmiatori. C’è anche da augurarsi che in futuro ci sia maggior cautela da parte degli esponenti del nostro Governo: in questi giorni, una loro frase incauta può avere conseguente drammatiche. È l’ultima cosa di cui abbiamo bisogno.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

UN PASSO IN PIU’

Successivo

IL SABBATH DELLE BORSE

37 commenti

  1. Fortunato Artuso

    Alla corte di nani e ballerine tutti parlano e fanno un gran fracasso. Come mai potrebbe tacere il capo? Andate, andate figlioli, date retta a me. E’come un buon padre di famiglia. Indirizza sempre e da buoni consigli. E’ così. Non può farne a meno. E se alcuno tra i figlioli dice: taci che fai ancor più confusione, lui, il buon padre, s’adonta. “E’ così che mi ringraziate. Con voi non si può più parlare. Io, che tanto mi prodigo e voi sempre ad obiettare”. E così va avanti poveretto lamentando che taluni proprio non lo capiscono. Non lo vogliono capire e lui non sa più che fare con quei discoli. E quando dicono d’aver capito, certo l’han frainteso. Non ha detto di “comprare”; semmai forse “campare”, “computare” o “scampare”. Quanto poi a “sospendere”, ma dai, vi sembra. E’ stato detto “sostenere”.

  2. simone

    Volevo sapere quale giudizio date sull’intervento effettuato dalla Consob alcuni giorni fa, quando è scesa in capo vietando sino al 30 ottobre la vendita allo scoperto. Anche questo non credete sia un’annuncio quanto meno "particolare", che guardacaso ha fatto si che il titolo UNICREDIT riprendesse quota?

  3. Massimo GIANNINI

    A nessuno é venuto il dubbio che il provvedimento appena varato non solo non sia condivisibile ma ahimé inutile ed uno specchietto per le allodole al quale nessuno crede e tantomeno i risparmiatori italiani. Il premier non é nuovo a uscite da piazzista e la sua politica é cosi fatta, non c’é da stupirsi. Il mercato per il premier non esiste e va manipolato. Il suo consigliere e modello (anche di carriera politica) é Putin, che apre e chiude la borsa a suo piacimento. Consigliare ENEL e ENI, a partecipazione statale, é l’ennesimo conflitto d’interessi. Aspettiamo per la prossima volta che il premier ci dia i numeri del superenalotto record milionario. Continuerà a dire che in Italia sono tutti benestanti.

  4. cosimo russo

    Sorprende che la consob, così zelante su mifid e dintorni, dorma sonni profondi, in presenza di dichiarazioni di incredibile superficialità e dannosità da parte del presidente del consiglio; il danno oramai è fatto, rimediare è impossibile! Ma perchè Napolitano, invece di parlare di altro non interviene solennemente a chiarire che guidare il governo di una nazione per una legislatura non equivale alla proprietà di quella nazione per 5 anni?

  5. sapeta

    Perchè meravigliarsi ancora delle "uscite" di Berlusconi? Le sue esternazioni dimostrano ancora una volta non solo le gravi manie di onnipotenza di cui è prigioniero, ma anche lo scarso senso dello Stato e del ruolo che ricopre. Il "me ne frego" rivolto alle disponibilità dell’opposizione a collaborare ricordano altri tempi e altri tristi personaggi.

  6. nino seminara

    Mi domando e domando se i consigli per gli acquisti che il presidente Berlusconi ha elargito agli italiani siano frutto di incoscienza o di ignoranza, perchè in un caso e nell’altro appaiono imperdonabili, per un uomo di governo. Probabilmente si è trattato di uno dei tanti casi in cui egli rimane vittima delle sue irrefrenabili pulsioni esibizionistiche; allora va perdonato, sempre che si provveda ad un’ energica terapia.

  7. Pietro

    Le parole del Presidente del Consiglio sono gravi e, come ha giustamente fatto notare persino l’On. Di Pietro, se ora non ci fosse stato il lodo Alfano (Berlusconi) ci sarebbero gli estremi per un’indagine per turbativa d’asta e aggiotaggio. Non credo che in realtà la Consob interverrà duramente anche per non doversi scontrare con il Governo. Che Berlusconi neghi che siamo in recessione è il colmo, cos’altro dovrebbe accadere con un’inflazione intorno al 4% e il calo dei consumi? Gli consiglio di studiare invece che dire baggianate. Che poi il nostro sistema bancario sia migliore che in Europa questa è da barzelletta. In realtà il nostro sistema creditizio presenta pochi soggetti forti (Unicredit e IntesaSanpaolo) le altre sono banchette. Il Governo dovrebbe essere più serio e raccontare meno balle sopratutto ora!

  8. Jacopo Roveratto

    L’ on. Berlusconi ha pure consigliato di comprare azioni Mediaset, dove l’azionista non è lo stato, ma lui. Non guastava ricordarlo.

  9. Mario Paris

    Abbiamo un irresponsabile ed incompetente al governo, può andar bene per raccontare barzellette e frequentare il bagaglino ma non per affrontare i gravi problemi mondiali. Forse pensava di essere costanzo.

  10. Pietro

    Le frasi di Berlusconi sulle eventuale chiusura dei mercati ed i consigli su quali aziende investire, è la chirissima evidenza dell’inadeguatezza dell’uomo ed imprenditore Berlusconi a guidare politicamente un paese. E’ evidente che agisce con la cultura da imprenditore, ma fare il presidente del consiglio è totalmente diverso e lui ancora non lo ha capito. Dovrebbe pesare le parole con il bilancino ad evitare reazioni emotive o anche razionali. Purtroppo lo abbiamo voluto ed ora ce lo teniamo.

  11. anna

    Se quando parla questo, si fa per dire, uomo politico collegasse il cervello in modo da accorgersi di quello che dice e se è opportuno dire quello che dice, sarebbe tanto di guadagnato…sia per chi lo ha votato, sia per chi non lo ha votato e deve sopportare le sue tante sciocchezze!

  12. claudio

    O forse lo sanno e lo dicono per qualche interesse?

  13. M.M.

    Sbaglio, o sgradevoli incursioni di questo genere sono accadute durante l’affaire Alitalia? Se sì, cosa ha fatto la Consob?

  14. anna

    Fra l’altro il premier consiglia spudoratamente l’acquisto di azioni Enel per favorire il ritorno al nucleare in Italia! Per realizzare il suo programma: conflitto di interessi.

  15. Alfredo

    Molti si ostinano a definire l’attuale Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, un bravo imprenditore e un abile comunicatore. Io direi che più che un imprenditore è un impresario, più che un comunicatore è un gran venditore di fumo.

  16. Davide Tucciello

    E’ così scontato concordare con quanto sostenuto da Marco Pagano che l’episodio in sè ha interesse più per la cronaca giornalistica che non sul piano intellettuale; sulla vicenda Alitalia le esternazioni di Berlusconi non furono da meno, tanto per limitarci alle vicende di piazza affari. Ormai dovrebbe risultarci familiare che nella sua affabulazione Berlusconi "deliberatamente" non fa differenza fra la discoteca o la sede del G7. Le smentite poi appartengono alla forma, la sostanza è altra cosa.

  17. luis

    Finchè al nostro carissimo gli scrivono i discorsi o lo consigliano sul da farsi, al limite il provvedimento può essere anche giustificato o comunque inevitabile. Purtroppo è quando comincia a parlare che rivela la sua vera capacità e identità.

  18. ha ha ha

    S&B Ratting Agencies advices: Mediaset Hold, Eni Buy, Enel Buy. The others sell because i have no interests on them. Thank you in advance for helping me to catch Warren Buffet. Yours Silvio. Bello pero.

  19. F.Giungato

    In Italia ormai ci siamo abituati a tutto, ma che un Presidente del Consiglio desse consigli per gli acquisti in borsa non s’era mai visto! E la Consob tacerà, tacerà, tacerà …

  20. Frison

    Sono d’accordo, il Presidente del Consiglio ha fatto un grave errore nel consigliare solo alcuni titoli. In questi giorni seguo il calo delle azioni di alcune aziende che invece dal punto di vista industriale stanno andando molto bene, avrebbe dovuto segnalare anche queste perchè non lo ha fatto? O tutte o nessuna. Perchè poi gli indici di borsa penalizzano anche le aziende sane?

  21. marco

    Sinceramente, il primo potere che dovrebbe far notare come i "consigli per gli acquisti" siano vietati (insider dealing), oltre che profondamente inopportuni, è l’informazione. Riguardo alla Consob, dopo l’attacco che la magistratura ha dovuto subire in questi 15 anni per aver tentato di applicare la legge al premier, io, se fossi la Consob, non reagirei in modo cosi’ deciso. Ormai il concetto stesso di garanzia è stato smantellato.

  22. Ezio Dal Molin

    Di fronte a certe dichiarazioni "estemporanee" c’è ancora chi si chiede come mai l’Italia attrae così pochi investimenti diretti dall’estero?

  23. Stefano C.

    Per carità, avrà confuso una conferenza stampa a palazzo Chigi per una puntata di Media Shopping. Non si tratta di essere critici o meno, si tratta di far capire ai politici fino a che punto si possono spingere.

  24. effepi

    Mi sembra ancora più scandaloso il silenzio della cosiddetta informazione su fatti di questo genere. Perchè dunque il PDL mostra tanto fastidio quando si parla di regime ? Cos’altro è il regime se non questa cappa nebolosa che avvolge le gaffes del "dilettante della politica, primo ministro di un paese dominato dalla illegalità" (fonte USA, staff presidenziale)?

  25. Roberto

    A parte che se qualcuno avesse comprato seguendo i consigli del Berlusca avrebbe solo fatto bene, ma la cosa più importante dei sinistrorsi che affollano il sito é che il mercato é stato stuprato mille e mille volte e qui ci si affanna nell’anti-berlusconismo, inutile e pure stolto. La Consob ha permesso mille nefandezze e solo ora si invoca? Le banche centrali cosa hanno controllato? Chi è che ha consentito le fusioni e il deterioramento del sistema?: Clinton (1999-Gramm-Leach-Bliley Act) ed il sig. Prodi con i vari Visco e Padoa Schioppa. Meno male che almeno c’è Tremonti che non è coì allineato come gli europeisti che ci hanno portato alla rovina (e ve ne accorgerete nei prossimi anni…) Follie, solo follie…

  26. Bruno Stucchi

    Però ha indovinato, più di tanti analisti professionisti e accademici.

  27. aless

    In qualsiasi paese serio e degno di essere considerato dai suoi cittadini una Nazione, un premier che avesse detto una cosa del genere sarebbe stato messo sotto impeachment. Qui siamo al punto che neanche la Consob interviene. Perché anche le istituzioni di garanzia sono delle istituzioni da operetta che si intonano con l’ambiente circostante, da operetta, appunto. Il solo dato che mi fa incazzare è questo paese da operetta viene mantenuto coi nostri soldi!!

  28. Lucky

    L’unica cosa che ho pensato quando ho sentito Berlusconi.

  29. luigi gallizia

    Berlusconi ha dichiarato che le borse potrebbero essere chiuse perché l’ha sentito ad una radio francese. Ma non dovrebbero essere i media a comunicare/commentare ciò che dice un Primo Ministro? Capisco che Berlusconi con i media abbia un rapporto particolare ma…mi autocensuro e mi fermo qui.

  30. Bruno Stucchi

    Il Cav. non si è inventato nulla: la voce -autorevole- di una possibile chiusura dell borsa circolava dal mattino sui siti internet francesi (Le Monde) e altri. In Italia lo sapevano tutti, salvo, naturalmente, gli addetti ai lavori e i giornalisti. lo sapevo pure io, senza bisogno di Berlusconi.

  31. Gianni

    Ma la Consob non interverrà! Non è intervenuta su Alitalia figuriamoci ora! La Consob ha dimostrato la Sua malinconica poca utilità ( ma grandissimi costi) con gli eventi della attuale "crisi", vedasi intervento del giornalista Giannino a Porta a porta che denunciava le vendite di titoli allo scoperto.

  32. Stefano Di Cresenzo

    non ci sono parole per descrivere l’inadeguatezza culturale delle persone che attualmente gestiscono la cosa pubblica italiana. Qualuno dovrebbe bloccarlo quando inizia a parlare e verificare se l’hardware è acceso. L’ultima su Bush è fantasticamente incredibile.

  33. mirko

    Il nostro premier non resiste quasi mai alla tentazione di spararle grosse la cosa che più mi avvilisce, è che Consob non dice assolutamente nulla, non l’ha mai fatto neppure durante la campagna elettorale con le dichiarazioni di Berlusconi su Alitalia. In compenso però, se un promotore finanziario tiene in disordine i suoi documenti, viene sospeso per due mesi durante i quali non può lavorare…direi che il metro di giudizio adottato dall’autorità di vigilanza possa essere giudicato equo!

  34. Luca

    Un ottimo intrattenitore, barzellettiere e cantautore e anche un commediante (vedasi l’ultima pantomima con Bush…). Peccato abbia scelto la strada sbagliata, sicuramente cinema e teatro gli avrebbero garantito più proseliti e onori.

  35. aless

    Parole sante! In un paese “serio” – e non in una repubblica delle banane come la nostra – il Presidente del Coniglio (ho scritto proprio Coniglio) sarebbe stato immediatamente messo sotto impeachment!

  36. ernesto donati

    Se non avesse il controllo diretto e indiretto di gran parte dei media, basterebbe un decimo di quello che dice per coprirlo di ridicolo. Il re sarebbe nudo. Come è accaduto a Bush ora che la sua autorità di presidente è finita e sono finalmente sotto gli occhi di tutti, non più coperti dai media amici, gli enormi errori che ha fatto nei suoi otto anni di governo. Il livello del ceto politico che ci governa, lo stesso da 15 anni, è desolante. La pletora di cortigiani e vassalli che alligna nelle redazioni dei giornali e delle tv assoggettati ai vari potentati economici ha frenato l’ evoluzione del Paese facendoci piombare nella deriva sociale in cui ci troviamo. Quando finirà questo periodo e la Storia spiegherà effettivamente quello che stiamo attraversando, molti si dovranno vergognare per l’ Italia che hanno lasciato ai loro figli.

  37. chiara rubino

    Ma cosa altro deve fare o dire mister B per fare aprire gli occhi a quel "60% e più" (mahhh!!) che lo sostengono? (non che dall’altra parte siamo messi bene, ma relativamente parlando). O mamma: ecco ho detto una cosa da "comunista comunista comunista!!" e ora tutto il rosso come lo tolgo?

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén