Lavoce.info

UN PASSO IN PIU’

Il Ministro Tremonti ha minacciato di dimettersi se dovesse passare l’emendamento, inserito ad opera di due parlamentari nel decreto sull’Alitalia, che metterebbe al riparo una serie di managers implicati in recenti e non dimenticati scandali finanziari. La scelta del Ministro e’ un passo importante verso la moralizzazione dell’economia italiana. Ne potrebbe compiere un’altro, con lo stesso spirito e nella stessa direzione. Riveda quella norma contenuta nel decreto del Ministro del Tesoro (1998, n° 516) che fissa le incompatibilità con l’esercizio della funzione di amministratore presso un intermediario finanziario per chi ha subito una condanna definitiva. Renda questo criterio più stringente e lo ampli anche a chi ha procedimenti a carico in corso o subito condanne non definitive. E’ vero che si rischia di rovinare la carriera di un innocente, ma ben peggiore è il rischio – dati i tempi della giustizia italiana – di lasciar gestire per anni a un potenziale truffaldino i soldi degli altri.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

A SPESE DEL CLIENTE

Successivo

I QUATTRO PICCHI DELLA REGOLAMENTAZIONE

  1. Raimondo

    … trovato l’inganno! Se ci fosse quella possibilitá, verrebbe strumentalizzata ed usata contro le persone scomode. Non devo sottolineare il modo in cui si fanno molte indagini e molti porcessi in Italia. Un esempio eclatante: Andreotti, che mi sta tutt’altro che simpatico, ha visto la sua carriera politica interrotta da un porcesso con tanto di condanna come mandante di un omicidio che poi é stata ribaltata in appello. Il risultato é stato la sua fine politica. Molto semplice. E non voglio indicare Tortora, perché quello é stato un omicidio premeditato, con l’aggravante della perfidia. P.s. chi pensa male…

  2. Massimo GIANNINI

    Il Presidente della Repubblica dice "si devono stabilire delle regole di comportamento, anche di comportamento etico, all’interno delle istituzioni di governo dell’economia. Pensiamo alle banche, al sistema creditizio". Forse il Presidente si riferiva a Geronzi, Ligresti e altri che ancora siedono nei CdA di banche e società finanziarie. O forse visto che parla di "interno delle istituzioni di governo dell’economia" intende dire anche governo e parlamento. Quale sarebbe la relazione tra carichi pendenti, condannati e l’etica invocata dal Presidente?

  3. Simone Grassi

    E’ incredibile come Tremonti esca da questa faccenda come un paladino. Il consiglio dei ministri aveva dato parere positivo a quella norma, consiglio dei ministri di cui lui fa parte. Tremonti invece di fare populismo e urlare ai media questa cosa doveva strigliare gli altri ministri per capire che aveva voluto quella norma. Insomma ci provano, poi se le managne vengono scoperte a turno si fanno anche paladini della legalità minacciando di andarsene. Fanno tutto da soli, siamo al limite del ridicolo.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén