Lavoce.info

IL PREZZO DEL GREGGIO

Sui giornali e i supplementi
van polemiche insistenti
sul perché sale il barile
ad un prezzo inversimìle.

Si sostiene che pel greggio
la tendenza è verso il peggio,
che d’offerta c’è carenza,
ma dell’olio non fai senza,

e che in India e pure in Cina
la domanda è repentina,
per cui il prezzo è triplicato
e a 200 è destinato.

Ma l’infausta quotazione
anche ha nom speculazione:
dice l’OPEC, ché l’offerta
è bastante e non scoperta

e che finanze oscure,
con i fondi e coi future,
pure al rame e ai cereali
fan mancar fondamentali.

Il Giavazzi sul Corriere
e Krugman col suo parere,
mostran  alquanta di paura
per la mondo-congiuntura.

Lo si è detto anche al G8
ed il Giulio ce ne ha edotto
che la nostra situazione
è da gran cogitazione.

Il consumo è giù in frenata,
l’ICI venne detassata,
il salario va innalzato,
ed il debito abbassato,

poi si tagli la pressione:
ma con quale dotazione?
Che farà il consumatore
quando va al distributore?

Tra i capelli pon le mani,
…non c’è più neppur Bersani!

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

CINQUE NUMERI SUL G8

Successivo

GIOVANNI CASTELLUCCI RISPONDE ALL’INTERVENTO DI BERGANTINO, PONTI E RAGAZZI

  1. Ruggero Revelli

    Costruire 1600 centrali elettronucleari del tipo Generation 3+ , da 1600 MW di potenza elettrica ciascuna. Destinare il 10% della produzione elettrica nelle ore notturne e/o di minor richiesta elettrica alla dissalazione di acqua di mare per osmosi inversa e un altro 10% per idrogeno da elettrolisi. Cambiare i 700 milioni di autoveicoli attuali a motori ibridi (elettrici e fuel cell a idrogeno). Questi sono provvedimenti che farebbero calare il prezzo del petrolio. La scarsità di petrolio è una delle tante spudorate menzogne propalate da fonti interessate e ingigantite da pennivendoli conniventi o quantomeno ignoranti. Dagli idrati di metano alle sabbie petrolifere agli scisti bituminosi, per non parlare della trasformazione del carbone in derivati liquidi (impianti già perfettamente funzionanti dagli anni ’30 in Germania e ora ripresi in grande scala da Sudafrica e Cina), le quantità disponibili sono di alcuni ordini di grandezza superiori a quelli di cui si parla oggi. Ruggero Revelli

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén