Lavoce.info

LA RISPOSTA AI COMMENTI

I numerosi commentatori si sono espressi  in maggioranza in termini favorevoli alle mie tesi. Ne sono confortato, anche perché  tra di essi stanno noti studiosi della materia come il prof. Petretto e il prof. Tramontana. Il commento di Petretto va sottolineato. Esso ricorda, a ulteriore sostegno, che l’efficienza economica induce a privilegiare le imposte caratterizzate da bassa reattività dei contribuenti , come appunto l’ICI, rispetto alle probabili imposte sostitutive che colpiscono i  redditi e i  consumi e  generano contrazioni dell’imponibile  e distorsioni nell’economia.
Ma veniamo ai commenti sfavorevoli. Alcuni contestano l’equità di un’imposta  su un patrimonio improduttivo qual è l’abitazione propria, affermando che solo l’imposta sul reddito o sul consumo è equa. La replica è che, come ampiamente noto, il reddito figurativo della residenza è tassabile quanto il reddito monetario dell’edificio locato; e questo incontestato principio tributario non è intaccato dalle possibili agevolazioni che si vogliano concedere, magari per finalità extratributarie ( diffusione della proprietà  a scopo di stabilizzazione sociale). Occorre poi ricordare che l’ICI sulla prima casa, mentre appare compatibile con il criterio della capacità contributiva,  è in ogni caso ampiamente  giustificata nella finanza locale dal criterio del beneficio.
Un altro commento invoca il ritorno alla vecchia imposta locale sul reddito ( Ilor, abolita nel 1998). A prescindere dai problemi applicativi di tale imposta nella sua configurazione effettiva, che a dispetto del nome la condannarono ad essere un’imposta erariale, va detto che per la casa di abitazione l’Ilor, depurata dalle esenzioni temporanee concesse sugli immobili di nuova costruzione, sarebbe del tutto equivalente all’Ici.
Più fondamento teorico avrebbe l’ipotesi, avanzata in altro  commento, di ripristinare l’Invim, che tuttavia, per vari motivi non analizzabili in questa sede, è improponibile  nell’attuale contesto.
In termini  più aderenti alla situazione presente, viene da alcuni invocato un inasprimento dell’Ici sullo sfitto a compenso del gettito perduto con l’abolizione dell’Ici sulla prima casa. Incidentalmente va osservato  che non è  affatto ovvio il fondamento etico  della penalizzazione dello sfitto (bisognerebbe chiedersi perché il proprietario rinuncia al guadagno della locazione); ma  ai fini del tema in discussione basta sottolineare la vistosa differenza  tra i due imponibili, quello delle case sfitte e quello delle prime case, per concludere  che non c’è possibilità che un inasprimento sul primo compensi la scomparsa del secondo.
Su altro piano è stato sostenuto che si può configurare  una manovra sull’Irpef  tale da rendere il prelievo più progressivo rispetto all’attuale sistema con l’Ici. E’ tesi astrattamente  valida, ma non si tratta di configurare possibili combinazioni aritmetiche , bensì di ragionare  sulle probabili manovre di questo  governo dal lato delle entrate e su quello delle spese; e allora resta  valida la mia tesi che non ci si deve aspettare alcun guadagno in termini di efficienza o equità. Senza contare che simili esercizi  non intaccano comunque le ragioni del federalismo che militano a favore dell’Ici.
Termino riconoscendo molto lucida l’osservazione di Mario Data sui possibili guasti provocati dall’Ici sulla politica urbanistica. La tesi, che  anch’io avevo avanzato su queste colonne, è che i comuni,  in perenne crisi finanziaria, sono tentati di svendere il territorio e “ cementificare l’impossibile” per incassare in futuro l’Ici ( in aggiunta  all’incasso immediato degli oneri di urbanizzazione e costruzione). Ma la soluzione sta nel garantire  una più efficace tutela  del territorio e un maggiore ruolo delle compartecipazioni comunali al gettito delle  imposte erariali, non già nell’abolire l’Ici sulla prima casa.

Leggi anche:  Settore pubblico centrale con la pandemia

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

LA RISPOSTA AI COMMENTI

Successivo

LA RISPOSTA AI COMMENTI

  1. Antonio

    La tasse le dovrebbero pagare tutti. Anche ipotizzando un 20% secco per tutti i redditi ciascuno pagherebbe secondo la sua capacità contributiva. Chi è giovane e forte e non arriva ad un reddito decente, peggio per lui. Chi veramente abbisogna di assistenza gli dimostrerà riconoscenza. Poi , ricordo, oggi già paghiamo una imposta sui consumi (20%), sulle accise, i servizi comunali (giustamente), bolli ed altri amenicoli. Chi lavora in poprio paga anche l ‘IRAP che comprende ICIAP (comunale) SSN (tassa sulla salute) ed altre gabelle anche per conto dei propri dipendenti. Devo aggiungere l’imponibile IRPEF prodotto dalla mia abitazione (chi lo ha mai visto?). A questo punto L’ICI rappresenta una pura ruberia a danno di chi si è prodigato una vita per un tetto e per la sua famiglia. Spero che la eliminino anche dalle seconde case date in affitto, dagli alberghi etc. Abbiamo già dato grazie.

  2. dvd

    Concordo sul fatto che tutti i sistemi tributari si basano anche sulla tassazzione della casa e che per questo motivo la detassazzione potrebbe essere solo apparente e non reale. Quello che non condivido è però l’idea che stà alla base del ragionamento, e cioè l’impossibilità di ridurre la spesa statale e/o comunale. L’impossibilità di trarre profitti da beni della comunità. L’impossibilità di migliorare l’efficienza della c.d. "macchina dello stato". Credo che in definitiva la percentuale così elevata di persone soddisfatte della manovra Ici la si può forse vedere come se tutti avessero detto: "Meglio così almeno questi non ve li diamo più"..! Mi pare una magra consolazione per uno Stato che ha la pretesa di considerarsi "Moderno"…! Tornando all’inizio, sono convinto che in tutti gli stati "moderni" si tassa la casa, ma sono anche convinto che il livello di efficienza e qualità dei servizi ai cittadini sono molto più alti dei nostri a parità invece di prelievo sulla casa….!

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén