logo


  1. Lorenzo Persi Rispondi

    Nell'articolo si afferma che il 30 per cento delle famiglie non è raggiungibile dalle interviste Cati. Inoltre, tali famiglie hanno in media un affluenza alle urne inferiore rispetto a quella del campione. Bene, mi chiedo, può l'esclusione di tali persone dal campione giustificare un così evidente scostamento tra sondaggi e realtà nelle elezioni del 2006? Può giustificare la percentuale dimezzata della Sinistra Arcobaleno rispetto a quanto previsto nei sondaggi delle elezioni 2008? Mi sembra che si dia un eccessivo peso alla causa analizzata nell'articolo, anche perchè i comportamenti dei due gruppi della popolazione sono sì diversi, ma non diametralmente opposti.. a mio parere incidono molto di più altri 3 fattori: il cosiddetto "voto utile" legato alla struttura della legge elettorale, l' "omertà" (si fa per dire, ovviamente) nelle dichiarazioni di voto degli elettori del centrodestra e le correzioni a tavolino che ciascun istituto di sondaggi fa in base alla propria esperienza e, perchè no, alla propria committenza.

  2. matteo strano Rispondi

    A mio avviso, la spiegazione dei sondaggi imprecisi non riguarda solo il metodo di campionamento. Più semplicemente, gli elettori di centro e centrodestra hanno una maggiore propensione a mentire o a non rispondere. Mi permetto di osservare che anche gli exit poll (non condotti col metodo CATI) tendono sistematicamente a sovrastimare il centrosinistra, esattamente come i sondaggi pre-elettorali di molte recenti tornate elettorali. Circa le cause di tale comportamento potrei formulare molte ipotesi, nessuna facilmente dimostrabile.

  3. Adriano Donaggio Rispondi

    1.Non è escluso che Berlusconi possa contare su sondaggi, forse più costosi, ma più accurati di quelli che vengono pubblicati dai giornali. Lui ha sempre parlato, durante questa campagna elettorale, di una forchetta del 10%. sembrava una sbruffonata. Il risultato è stato una forchetta del 9%. 2. con il metodo del sondaggio telefonico (telefoni fissi o anche cellulari? Fissi visto che la base é l' elenco) difficilmente si raggiungono i giovani se il riferimento è il telefono fisso. A. D.

  4. brio Rispondi

    Di solito chi ha un numero fisso lo mantiene solo per avere internet. Chi ha internet di solito è più informato e tende a NON votare PDL. Intervistando solo coloro che hanno il telefono fisso....beh, si capisce perchè il PD risultava con un divario minore.

  5. MB Rispondi
    Mi soffermerei di più sull'ormai usuale flop di istituti che svolgono ricerche per il centro-sinistra o per giornali di centro-sinistra come "Repubblica": mi riferisco in particolar modo a SWG. Altri sono andati sicuramente più vicini al risultato vero. L'unico errore comune - di carattere non campionario - è stata la mancata previsione del passaggio di voti dall'estrema sinistra alla Lega.
  6. daniele v Rispondi

    Articolo interessante, ma un ulteriore fenomeno potrebbe spiegare il discostamento tra sondaggi e risultati elettorali. Se un numero sufficiente di votanti fosse a conoscenza dei numeri dei sondaggi, potrebbe cambiare comportamento proprio nelle ultime due settimane in cui e' vietata la diffusione di sondaggi. Ci sono almeno due meccanismi che incentivano un voto "strategico": le soglie di sbarramento (altissime per i partiti non coalizzati) ed il premio di maggioranza. Questo sarebbe sufficiente a spiegare il ridotto numero di voti di Sinistra Arcobaleno, la Destra, etc...ed gli incremento dei voti di Lega Nord e Italia dei Valori.

  7. alebegoli Rispondi

    Da quasi dieci anni, la nostra famiglia non compare nell'elenco telefonico, perché l'utenza telefonica, che ci serve essenzialmente per avere un collegamento Internet, è sempre stata intestata o a mio marito (ingegnere professionista) o, in una fase in cui la nostra attività era esercitata nella forma di studio associato, allo studio associato stesso. Cioè, noi siamo considerati un'utenza aziendale, non privata. Questo ci ha esonerati dal ricevere i fotoromanzi sulla vita di Berlusconi, nonché molta altra spazzatura (dandoci in cambio questuanti vari che cercano di venderci biglietti di beneficienza). Probabilmente per lo stesso motivo siamo esclusi da ogni possibile campionamento di sondaggisti elettorali. Ora, a cicca e spanna secondo me il 90% delle partite iva italiane (ditte individuali, liberi professionisti, piccoli imprenditori) si trova nella stessa situazione, anche perché nella gran parte dei casi l'indirizzo di casa coincide con la sede legale o la sede operativa della ditta. Considerando l'orientamento politico prevalente di questa fascia sociale, questo forse può fornire qualche indizio sul motivo della sottostima dei risultati LegaNord.

  8. Fabrizio Mazzonna Rispondi

    Vi sono in aggiunta, altri problemi che non riguardano il piano campionario. Primo capire come vengono trattate le non risposte. Secondo capitolo è quello degli "indecisi", che nella maggior parte dei sondaggi sono almeno il 25-30% del campione. Trattare questi problemi come se non ci fossero, magari pensando che si distribuiscano in maniera uniforme tra i partiti, è un altro dei fattori che ha portato i sondaggi elettorali ad essere facilmente smentiti.