Lavoce.info

LA SPAGNA CONFERMA ZAPATERO*

Due mesi fa i sondaggi prevedevano la sconfitta del Psoe. Il risultato del voto è stato diverso anche perchél Pp ha cambiato strategia proprio nell’ultimo mese, focalizzando la sua campagna elettorale sulla riduzione delle tasse e sul contrasto all’immigrazione. Zapatero non deve la vittoria alle elezioni di domenica agli elettori di centro, ma gli ex sostenitori dell’estrema sinistra. Che soprattutto in Catalogna e nei Paesi Baschi hanno apprezzato i tentativi di concedere maggiore autonomia e di mettere fine alla violenza.

È finita la suspense delle elezioni in Spagna. Il Partito socialista (Psoe) del primo ministro uscente Rodriguez Zapatero (ZP, com’è chiamato dai media) ha conquistato un secondo mandato fino al 2012. Per contro, il Partito popolare di Rajoy (Pp) ha subìto una nuova disfatta. Eppure Rajoy nutriva serie speranze di riconquistare il potere, dopo la sconfitta a sorpresa del marzo 2004, conseguenza dell’attentato alla stazione di Madrid, causato dall’appoggio di Aznar alla guerra in Iraq.

I RISULTATI DEL VOTO

L’afflusso degli elettori, che si pensava fosse determinante per il risultato, è stato alto quasi quanto quello del 2004 (75 per cento), mentre i sondaggi lo davano per molto più basso. Dei 350 seggi del Parlamento spagnolo, Psoe e Pp conquistano rispettivamente 169 e 153 seggi, contro i precedenti 164 e 153. Il distacco resta pertanto lo stesso. Quanto alle percentuali di voto, il Psoe cresce di 1 punto percentuale (dal 42,6 al 43,5 per cento) mentre il Pp registra un forte incremento, dal 37,7 al 40,1 per cento.
Il risultato più significativo è infatti la concentrazione dei voti sui due maggiori partiti, a spese dei partiti regionali estremisti e dell’ex partito comunista. I partiti conservatori della Catalogna e dei Paesi Baschi, quantunque favorevoli alla secessione, hanno più o meno mantenuto la loro percentuale di voti, circa il 4,3 per cento. A Zapatero mancano sei seggi per avere la maggioranza assoluta, è pertanto probabile che in un prossimo futuro debba avvalersi dell’appoggio di questi due partiti. I suoi alleati del precedente governo hanno infatti subìto una vera "debacle".

SONDAGGI E CAMPAGNA ELETTORALE

Solo due mesi fa questi risultati sarebbero sembrati inverosimili. Il Pp, partito di opposizione, e i media che l’appoggiavano, avevano sferrato una campagna feroce in cui si insinuavano dubbi sui mandanti dell’attentato di Madrid e sulla conseguente opportunità dei colloqui segreti del governo con i rappresentanti del gruppo terrorista basco, l’Eta. Tale campagna, unita ai gravi errori compiuti dal governo nell’incrementare la decentralizzazione regionale e nel dimostrare eccessivo ottimismo sulla possibilità di una tregua permanente con l’Eta, faceva considerare realistica la possibilità che il Pp battesse il Psoe. La maggior parte dei sondaggi prediceva una sconfitta del Psoe e gli istituti demoscopici vicini al Pp prevedevano una sua prossima vittoria. Innumerevoli manifestazioni, promosse dal Pp assieme alle associazioni delle vittime del terrorismo, controllate dall’estrema destra e dall’ala più conservatrice della Chiesa cattolica, avevano danneggiato in modo subdolo e continuo la reputazione del governo, criticandone le posizioni in fatto di diritti civili (ritirata dall’Iraq, parità dei sessi, approvazione del matrimonio dei gay).
Nell’ultimo mese però le cose sono cambiate. Con il progressivo rallentamento dell’economia spagnola – il paese è una delle "tigri" dell’Unione Europea, ma la crescita del Pil (3,5 per cento dal 2004) dipende troppo dal settore immobiliare – il Pp ha cambiato la sua strategia di attacco al Psoe, insistendo soprattutto sulla mancanza di azioni preventive nei confronti della pericolosa e incontrollata crescita dei flussi d’immigrazione. In sostanza, il Pp ha rinunciato alle vecchie accuse, che imputavano all’Eta l’organizzazione dell’attentato dell’11 marzo – faccenda totalmente chiarita dal verdetto del processo giudiziario, che ha riconosciuto responsabile dell’attentato una cellula terrorista islamica – e ha intrapreso una campagna focalizzata esclusivamente sulla volontà di ridurre le tasse e di adottare leggi che obblighino i nuovi immigrati a rispettare usi e costumi spagnoli. Ma tali progetti sono stati il presupposto della sua sconfitta.
Non esistono sostanziali differenze nella politica economica dei due partiti (tasse e tagli delle spese da una parte, svariate riduzioni dall’altra). In tempi di incertezza, il Psoe ha proposto di usare i proventi del 2 per cento del surplus del Pil a fini anticongiunturali. Quanto alla politica dell’immigrazione, il Pp dal 1996 al 2004 ha operato in modo disastroso, mentre il Psoe nel 2004 ha avviato, con il pieno appoggio di sindacati e datori di lavoro, un processo di regolarizzazione che nel complesso non ha funzionato male. Inoltre, l’appoggio dichiarato della Chiesa cattolica al Partito popolare, nonché la scarsa performance di Rayoj nei dibattiti televisivi con Zapatero hanno sensibilmente contribuito a spostare i voti sul Psoe. Dalla metà di febbraio i sondaggi hanno iniziato a evidenziare un vantaggio del Psoeee di circa 3,4 punti percentuali, confermati dal risultato finale (3,5 per cento).
Alcune analisi econometriche dei sondaggi hanno mostrato che la percentuale di sostenitori, ovvero di quegli elettori che non cambiano mai partito, è più elevata tra gli elettori del Pp rispetto a quelli del Psoe ed è molto più alta rispetto agli elettori di estrema sinistra. Questi ultimi sono proprio quelli che, questa volta, hanno cambiato il loro voto, specie in Catalogna e nei Paesi Baschi, dimostrando di aver apprezzato gli sforzi, forse incostanti, di ZP nel concedere maggior autonomia (Catalogna) e nel por fine alla violenza (Paesi Baschi). Contrariamente a ciò che normalmente si crede, e cioè che entrambi i partiti maggiori devono "pescare" voti tra gli elettori di centro, questa volta la vittoria sembra provenire da una delle frange estreme.

 

(traduzione dall’inglese di Daniela Crocco)

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

CICLO O CRESCITA: IL PROBLEMA DELL’ITALIA

Successivo

LA CINA E LA CRESCITA

  1. marco biagetti

    Nessun grande guadagno del PSOE (+38000 voti +1,05% rispetto al 2004). Buona ripresa del PP (+406800 voti +2,40% in termini rispetto al 2004) e guadagno di seggi (da 10 a 11) anche dei catalani conservatori di Convergencia y Uniò (che però perdono 61 mila voti passando dal 3,34 al 3,05%). I comunisti di IU perdono 321 mila voti. Gli autonomisti catalani di sinistra ne perdono 356 mila! Contando che la percentuale di voti validi è rimasta la stessa, direi che la Spagna si è spostata in maniera lieve verso destra. Quindi i titoli più giusti dovrebbero essere del calibro:"Zapatero riesce ad arginare la rimonta popolare che si è dimostrato insufficiente". Mi piacerebbe sapere dove Dolado abbia trovato "sondeos" favorevoli ai popolari ad un mese dalle elezioni.

  2. Massimo GIANNINI

    E’ inevitabile vedere molte similitudini con la situazione italiana. Primo fra tutti il bipartitismo, sul quale si é spinta la campagna elettorale spagnola. In Italia si può e si deve realizzare: e se in Italia si smettesse di sentirsi autorizzati ognuno a fondare e sostenere un partito chiamandolo “esercizio di democrazia” piuttosto che di partitocrazia, e ognuno a votare scegliendo tra trenta partiti, salvo poi lamentarsi del proliferare e del potere degli stessi? Paradossalmente, come il caso spagnolo insegna, é inutile votare un partito che ha poche chance di essere rappresentato o leverebbe voti a quel partito politicamente più vicino, favorendo quindi il partito politicamente opposto. Questo in Italia é vero sia per i partiti di centro che per quelli agli estremi, non solo di sinistra. La seconda questione é l’intervento della Chiesa in politica che in Spagna é stato a gamba tesa e la reazione si é vista. C’è da augurarsi una simile reazione in Italia se non da parte dei politici almeno dei cittadini votanti. Continuare a mischiare questioni di fede alla politica o pensare di farne liste elettorali non aiuta il paese, focalizzare la campagna elettorale su temi concreti sì.

  3. gianni di pillo

    Juan Dolado dice che l’affluenza degli elettori ai seggi è stata molto alta,il 74 % degli aventi diritto si è recata ai seggi contrariamente a tutte le previsioni che la davano in forte calo ancora la settimana scorsa. Cosa è accaduto nel frattempo per ribaltare la previsione?Non il cambiamento di strategia elettorale da parte del Pp , non la strategia di Zapatero,che ha deciso di interrompere la campagna elettorale qualche ora prima della naturale scadenza a causa dell’omicidio del supporter socialista. Qualcuno saprebbe spiegarmelo?

  4. Vincenzo Cardarelli

    Evidentemente Dolado ed io viviamo in due Spagne diverse. Nella Spagna in cui abito io, nessun sondaggio serio (e men che meno a due mesi dalle elezioni) ha dato la vittoria al PP. Per una ricostruzione dell’evoluzione dell’intenzione di voto vedere: http://es.wikipedia.org/wiki/Anexo:Sondeos_de_intenci%C3%B3n_de_voto_para_las_elecciones_generales_espa%C3%B1olas_de_2008 L’unico sondaggio annunciante una possibile vittoria del PP, pubblicato su di un mezzo di comunicazione iperpartigiano (leggasi "più fazioso della media" visto che la stampa d’opinione in Spagna non esiste) era pieno di "caveat": http://blogs.periodistadigital.com/politica.php/2008/02/29/encuesta-intereconomia-gana-rajoy-4747. Sondaggi a parte, ben pochi osservatori indipendenti avevano dubbi sul risultato (l’unica vera "suspence" effettivamente riguardava la partecipazione al voto – soprattutto in Catalogna – ed il futuro politico di Rajoy dopo la sconfitta).

  5. lodovico malavasi

    Leggendo l’articolo ed i commenti, sembra di capire che la vittoria del PSOE sia avvenuta a discapito di elettori collocati a sinistra di questo e con un contemporaneo recupero più marcato del PP e di altri partiti minori che si collocano al centro. Quello che mi piacerebbe sapere è se nella nuova situazione il programma di Zapatero, che si fonda su maggioranze variabili, potrà esser attuato speditamente.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén