Lavoce.info

QUATTRO SCELTE CORAGGIOSE PER UNA SVOLTA

Poniamo a disposizione dei lettori il testo del progetto predisposto dal Dipartimento di Studi del Lavoro e del Welfare dell’Università di Milano per incarico della Presidenza della Regione Lazio, “Quattro scelte coraggiose per una svolta”, che è stato presentato ufficialmente in una conferenza stampa a Roma lunedì 4 febbraio, presso la Sede della Regione.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Perché la Pa si affida alle consulenze esterne

Precedente

LUCI E OMBRE DELL’AZIONE COLLETTIVA

Successivo

SANITA’

  1. romano calvo

    Dopo un’attenta lettura ed un po di esperienza nel campo, esprimo stima per Pietro Ichino, per il coraggio e l’intelligenza della proposta. Due integrazioni: A) la nuova pianta organica non può essere completamente delineata nella fase iniziale ma nemmeno attendere la fine del processo, per mettersi al riparo dall’accusa di perseguire un disegno di pura razionalizzazione privo di tensione al miglioramento del servizio pubblico. Proporrei un “patto di processo” dove nella chiarezza degli obiettivi quantitativi di riduzione, si permette al processo di negoziazione di dettagliare il “come”, il “quanto” ed il “dove” tagliare, facendo valere anche forme di misurazione dell’employee satisfaction verso i singoli dirigenti (se serve vi invio uno strumento che ho testato). B) Occorre garantire il diritto ai dirigenti licenziati di rientrare al livello “D”: in Italia tutti tengono famiglia e la prospettiva del licenziamento suscita molte solidarietà. Sarà illusorio ma anch’io credo che fondamentale è il patto bipartisan in cui si chiarisce che si vanno a tagliare costi e posizioni ridondanti, senza intaccare la qualità del servizio e senza accanirsi contro le singole persone.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén