logo


  1. Annamaria Rispondi
    Contrariamente a quanto da qualche settimana una, per fortuna, esigua minoranza va sostenendo, in tutti i Paesi europei sono previste sanzioni per chi - cittadini, imprese e istituzioni pubbliche o private - non risponde ai questionari statistici per i quali la legge prevede l'obbligo di risposta. Solo dopo che la Corte dei Conti ha legittimamente contestato ai vertici dell'Istat la non applicazione ai non rispondenti (soprattutto imprese) delle sanzioni previste dagli articoli 7 e 11 del d.lgs. 322/89, c'è chi ha gridato allo scandalo. Quanto al rispetto della privacy, occorre precisare che nessun obbligo di risposta esiste in Italia, come altrove, quando trattasi di indagini sullo stato di salute, sulle convinzioni politiche, religiose et similia.