logo


  1. Luca Beccaria Rispondi
    La questione è aperta da anni. Altiero Spinelli aveva già proposto la creazione di una seconda camera che fosse immagine della volontà degli stati. Gli attuali impasti governativi e legislativi sono una vetrina della democrazia. Bisogna con urgenza definire cosa vuole essere l'unione europea. Ha la possibilità di diventare una federazione, ma bisogna guardare ad un modello diverso, per l'esegutivo, dagli Stati Uniti. La via migliore per noi dovrebbe essere il modello federale della Svizzera; dove l'esegutivo è eletto quando viene eletta il legislativo, ma non è da esso revocabile. Inoltre non vi è un capo specifico, ma un collegio di capi di stato che agisce nell'ambito di competenza. Ma sicuramente da copiare dagli USa sarà la particolarità del Senato...una camera in cui tutti gli stati hanno una parità indistinta per il numero di rappresentanti: due per ciascuno stato...il che non andrebbe male neanche per noi. Inoltre far in modo che sia questo "senato federale europe" a decidere sulle questioni di ratifica dei trattati internazionali, insieme all'esegutivo competente; mentre alla camera bassa, immagine della volotà dei popili europei (e non degli stati), si dà la capacità di iniziativa della legge di bilancio...Come in USA. Sarebbe decisamente un grande passo avanti. Inoltre la Costituzione sarebbe da scrivere in modo più semplice...il Trattato era una cosa pesantissima...non si riesce ad innamorarsi di una costituzione così.
  2. Marco Solferini Rispondi
    A mio neutrale avviso, l'articolo coglie il punto della situazione, con particolare riguardo all'impopolarità che le Istituzioni europee soffrono presso gli Europei: fatta l'Europa non si sono sentiti Cittadini della stessa coloro che l'Unione dovrebbero vivierla e sopratutto sentirla. Quanti parlano dell'Unione, che sembra un grande fratello presente, ma disapparente, spesso vengono trattati come favolisti dell'antica grecia, saggi per i racconti della buonanotte. Persino la spazio sui media sembra più un atto dovuto, una sorta di limbo, di lungimirante attesa affinché qualcosa accada, ma ciò che invece succede è che si alternano lotte intestine fra gruppi di interesse, e non di riforme bensì di interventi chirurgici mirati, si tratta: al prevalere di uno o di un altro dei sistemi che avendo interessi in causa, forse giustamente quando ci si rende conto che le ruote si muovono molto piano, cercano di risolvere la immediatezze delle proprie necessità operando a favore dei propri interessi. Ritengo che questo sia umano e condivisibile quantunque come tutti gli atteggiamenti tali, si presta anche alla critica, fisiologica fonte dell'eterna giovinezza qual'è il cambiamento. Se fosse Omero il primo Presidente dell'U.E.. Del resto nessuno vuol rimanere in balia della tempesta e quando un Istituzione perde di credibilità, si sà che è come un puzzle che va in pezzi: ciascuno prende i propri e li tiene per sé finchè non arriverà chi farà in modo che si voglia nuovamente provare a comporre la visione d'insieme. In ciò anche il filosofico diritto di commettere sbagli, l'Autore tuttavia traccia correttamente i punti più dolenti ed è condivisibile, l'auspicio è che sia letto ed ascoltato.
  3. Giacomo Dorigo Rispondi
    il primo problema dell' Unione Europea è la confusione tra potere esecutivo e legislativo. Il potere esecutivo dei singoli stati nazionali quando entra nel Consiglio diventa potere legislativo, e il Parlamento Europeo essendo tagliato fuori da molte decisioni non fornisce alcun contrappeso significativo a ciò. Questo ha portato un deficit di democrazia non solo nell' UE ma anche negli Stati dove i poteri legislativi (parlamenti) SONO COSTRETTI ad accettare provvedimenti decisi dagli esecutivi in sede comunitaria con votazioni che sono delle farse... Ci sono solo due possibili soluzioni a ciò: o si fa un vero Stato federale bicamerale dove la Commissione divenga un governo, il parlamento la camera degli eletti, e il consiglio venga trasformato in un senato che sia rappresentanza dei PARLAMENTI nazionali e non più dei governi, oppure si torna agli Stati nazionali ottocenteschi... stare nel mezzo ci fa solo che del male.
  4. Fabio Pietribiasi Rispondi
    Per prima cosa, voglio dire che l'articolo mi è piaciuto. Non capita spesso di leggere una sintesi così convincente delle cause della crisi europea: ambiguità dei Paesi membri, burocratizzazione, deficit di democrazia rischiano di precipitarla ai limiti estremi. Faccio un solo appunto critico. Ancora una volta le questioni sociali sono presentate come un aspetto di quelle economiche, quando si parla di riforme strutturali orientate al mercato. La proposta di introdurre un reddito minimo garantito europeo è sotto la voce "questioni economiche" ed il titolo successivo è per quelle istituzionali. Forse per eccesso di sintesi, ricompare la concezione che risolvendo preliminarmente le questioni economiche (reddito, occupazione...), quelle sociali si assesteranno da sole. Tuttavia l'integrazione economica in 50 di storia ha fatto passi giganteschi, sono sparite le dogane, abbiamo la moneta unica e la Banca centrale europea. Quella sociale non ha fatto un percorso parallelo e, se adeguatamente considerata, può essere una opportunità per riprendere il percorso di integrazione politica.
  5. Paolo Rispondi
    L'autore dell'articolo si sofferma sulle problematiche economiche dell'Unione e sulla loro riforma per farla ripartire. In realtà per come è strutturata, L'Unione Europea dovrebbe essere rifondata dalla base per trasformarla in una entità realmente politica e dei cittadini invece che delle banche e specificatamente delle oligarchie finanziarie neoliberiste. Perchè questa Europa schiava della globalizzazione e del neoliberismo anglosassone non ha fatto e continua a non fare niente per fare innamorare di sè gli europei, inaugurando invece politiche che affossano il già disastrato sistema sociale europeo tipo l'approvazione della direttiva Bolkestein, vero mostro giuridico neoliberista che permetterebbe di privatizzare senza limiti, compresi i servizi essenziali per i cittadini e che invece DEVONO essere di esclusiva competenza del pubblico, che affosserebbe i diritti dei lavoratori, che cancellerebbe ogni diritto residuo di uno Stato ad opporsi alle sue clausole capestro. In fondo l'UE continua ad essere quello che era la vecchia Europa delle nazioni all'indomani della fine del secondo conflitto mondiale, ovvero un insieme di stati clienti degli USA e del loro neoliberismo. Credere ancora in questa costruzione solo finanziaria dell'Europa non è più di moda...