logo


  1. Andrea Maurino Rispondi
    Non sono esperto di logiche industrialli per questo, non capisco perchè una di questa debba essere quella di uscire dal settore del tessile abbigliamento. Può essere vero che è il settore con più basso valore aggiunto per lavoratore, ma esistono dei settori di nicchia (penso al lusso) che, seppur con un minor numero di addetti rispetto al totale del settore, svolgono un ruolo importante sicuramente ai fini dell'immagine del sistema paese. Forse il valore aggiunto per i soli lavoratori nel settore lusso è più alto rispetto alla media. Se si dovesse seguire lo stesso ragionamento si dovrebbe uscire anche del settore agro-alimentare non considerando i nostri prodotti di vera eccellenza e mi rifierisco sopratutto ai piccoli e medi produttori. Credo che sia invece importante nei settori a basso valore aggiunto focalizzarsi solo su alcuni aspetti di punta.
  2. andrea ferraretto Rispondi
    Rispetto alle ambizioni – rilanciare la politica industriale fino al 2015 – appaiono alcuni punti di debolezza del ddl. Soprattutto ciò che è ignorato è che la competitività del sistema industriale non si crea solo con gli incentivi o con un richiamo generico all’innovazione. L’innovazione deve necessariamente tener conto, oggi, delle limitazioni poste dalle variabili ambientali: si tratta infatti di considerare la scarsità delle risorse naturali e la loro non riproducibilità. Da qui un accento più forte alle politiche della sostenibilità e all’innovazione ecologica dei processi produttivi avrebbe permesso di offrire alle imprese italiane una chance in più. Sono scarsi i riferimenti all’efficienza energetica, al risparmio dei materiali e all’introduzione di tecnologie orientate alle fonti rinnovabili. Sono altresì assenti i riferimenti alla gestione del patrimonio naturale inteso come opportunità per rilanciare il turismo e per ridurre le pressioni sull’ambiente. L’Italia continua a essere in ritardo nell’applicazione della Strategia di Göteborg, del Protocollo di Kyoto, nell’attuazione del PICO, il Piano per Lisbona: la sostenibilità, tenuta ai margini di industria 2015, è un rischio, un limite, che può determinare l’insuccesso delle politiche industriali. Si continua a ritenere che lo sviluppo, fin troppo legato esclusivamente al settore manifatturiero, non debba tener conto delle variabili ambientali e che l’inquinamento sia un effetto secondario: non è così. Basti pensare alla diffusione dei reati ambientali e della correlazione tra la presenza delle ecomafie e il ritardo di sviluppo riscontrabile in alcune regioni del Mezzogiorno. La competitività non si crea dal nulla e non la si acquisisce solo con incentivi: è necessario creare condizioni per la competitività e per lo sviluppo di settori strategici. Un solo dato può servire a comprendere il ritardo accumulato: l’assenza delle imprese italiane nel settore delle fonti energetiche rinnovabili.
  3. Luigi Sampaolo Rispondi
    Sull'Unità operativa prevista da Industria 2015 non procederei per presunti imperativi dettati dalla modernità - ché si rischia il tabù - ma per logica. Perché alla Farnesina può esistere una unità di crisi che ogni anno si occupa anche di 2-3 turisti italiani ad alta propensione al rischio e al Ministero dello Sviluppo Economico non ci può essere una Unità operativa che cerca di mettere attorno a un tavolo i soggetti interessati se 200 persone o più rischiano il posto? Se 200 è un criterio grossolano gli studiosi ne propongano un altro. Ma resta il fatto che in casi simili qualsiasi amministrazione, a prescindere dal colore, è chiamata in causa, anche perché pagherà le conseguenze di eventuali esiti negativi (spese per la coesione sociale, esternalità etc.). Come sa per es. Formigoni che contribuì a far acquistare da privati il Centro di ricerca sui tumori di Nerviano. L’allora proprietaria Pfizer nella fase di razionalizzazioni post acquisizione di Pharmacia avrebbe chiuso il Centro come ne chiuse altri per il mondo. Invece venne trovato un acquirente industriale, la Congregazione dei Figli dell'Immacolata Concezione (sic: buffo vero? però in mezza Italia se ti trovi un neo strano corri a farti visitare nei loro istituti). Oggi “Nerviano Medical Sciences is the largest pharmaceutical R&D facility in Italy and one of the largest oncology-focused, integrated discovery and development companies in Europe”, non sperpera denaro pubblico ed è portato ad esempio nelle Giornate della Ricerca di Confindustria. Gli ostacoli all’epifania delle forze del mercato di breve termine hanno innescato una spirale virtuosa di lungo termine e di mercato. So bene che ciò non chiude il discorso ma, almeno, lo apre.
    • La redazione Rispondi
      E’ certamente un peccato lasciare fallire imprese medio-grandi perché è difficile rimpiazzarle. E quella di Nerviano è certamente la storia di un salvataggio di successo (aiutato da un’istituzione locale, non centrale). Non so però se sia sufficiente per farci correre il rischio di istituzionalizzare l’esistenza di un organismo che in molti casi finirebbe per avere come missione quello di preservare i posti di lavoro anziché le possibilità dei lavoratori di trovarne un altro.
  4. Paolo Mariti Rispondi
    Tra le molte altre cose, il provvedimento prevede la creazione di un meccanismo generalizzato per il salvataggio, la ristrutturazione e, presumibilmente, la ripresa e delle imprese indebitate con più di duecento addetti. Un' apposita Unità operativa presso il Ministero dello sviluppo per le crisi d'impresa provvederebbe alla tempestiva individuazione delle situazioni di crisi, mediante la raccolta e vaglio dei dati , la definizione di metodologie di monitoraggio e di specifici indicatori di allerta. Identificati i soggetti bisognosi di sostegno, tale Unità provvederebbe a «fornire attività di supporto» per la definizione delle soluzioni, naturalmente promuovendo «verifiche e intese preliminari tra le imprese e le parti economico-sociali interessate». Tale provvedimento innova ed addirittura modifica la disciplina della legge sui fallimenti d'impresa. In buona sostanza, si creerebbero due gruppi di imprese: sotto i duecento addetti, si può fallire; aldisopra di detta soglia se ne occuperebbe il governo. Il tutto appare davvero grossolano e già condannato dall'esperienza anche italiana, prima ancora che grottesco. Si possono anche benevolmente condividere le intenzioni del provvedimento, ma di buone intenzioni sono lastricate le le vie dell'inferno. Le politiche industriali moderne dovrebbero essere rvivolte ad eliminare gli attriti ed i detriti dei mercati, le inefficienze della pubblica amministrazione, le asimmetrie informative e di supporto delle quali le imprese possono soffrire su certi mercati, fornire il miglior contesto infrastrutturale ed istituzionale per ridurre i costi delle imprese., ma non spingersi mai fino all' intervento diretto sull'impresa
    • La redazione Rispondi
      Concordo. Ciò di cui parli fa parte del "brutto" di Industria 2015.
  5. Luigi Sampaolo Rispondi
    Per anni gli economisti ci hanno detto che il problema dell'Italia è una cattiva specializzazione settoriale e dimensionale delle nostre imprese. Per anni non ci hanno dato nessuna idea né strumento per cambiare tale cattiva specializzazione. Forse perchè per molti il cambiamento non deve né può essere guidato ma deve avvenire per forza tramite trauma (con i fallimenti). Altri si sono baloccati per anni con il modello dei distretti, che si rivela non più facile da esportare della democrazia. Il merito di Industria 2015, sul solco di esperienze di successo (in particolare il cambiamento strutturale nei paesi sacandinavi) è cercare di fare qualcosa, la fine del lasciar perdere più che del lasciar fare. Ben vengano quindi i consigli per migliorarla ma, per esempio, credo che l'auspicato "meno incentivi per le imprese meno tasse" porterebbe imprese piccole e mal specializzate a rimanere tali, con proprietari forse un po' più ricchi. Prima di abbandonarci allo scetticismo, per esempio, aspettiamo invece i nomi dei manager che guideranno i Progetti: se ci sarà il fratello del cugino del sotto segretario di turno o qualcuno di vaglia.
    • La redazione Rispondi
      Mi sembra che gli incentivi alle piccole imprese non abbiano aiutato un granchè il loro sviluppo. La riduzione delle imposte sulle società (non solo sulle piccole) potrebbe, tra l’altro, convincere le imprese sommerse a riemergere.
  6. Massimo Marnetto Rispondi
    Gli incentivi economici - da soli - non bastano a produrre innovazione. Occorre anche un check up aziendale che aiuti le PMI a capire - insieme ad un esperto - dove sono i colli di bottiglia della loro organizzazione e dove "dormono" le loro potenzialità latenti. Sembrerà banale, ma spesso è nella fase di diagnosi dello stesso piccolo imprenditore che il bisogno di innovazione non viene percepito. Massimo Marnetto
    • La redazione Rispondi
      Sono completamente d’accordo.