Mancano 20 giorni alla presentazione della Finanziaria. Ma nulla si sa ancora su ammontare e composizione della manovra. Si susseguono annunci disordinati e contraddittori mentre le (finalmente!) migliori notizie sui conti pubblici e l’economia vengono utilizzate solo come scusa per non fare le riforme. Il Ministro dell’economia avrà bisogno di tutta la sua abilità ed esperienza per riuscire a realizzare gli interventi annunciati nel Dpef. Cominciamo a visitare due delle quattro aree cruciali individuate nel Dpef: finanza locale e previdenza. Presto faremo il punto su sanità e pubblico impiego. Cerchiamo anche di capire le ragioni per cui il gettito è cresciuto di più di quanto possa essere spiegato dall’andamento dell’economia. Prime risposte. Solo una cosa è certa: bisogna rivedere al più presto il modo con cui vengono fatte le previsioni di bilancio.


Marcello Messori, Sandro Gronchi e Carlo D’Ippoliti formulano proposte su come completare la riforma delle pensioni.
Carla Pellegatta (Segreteria Generale Cgil Verona), Francesco Daveri, Andrea Ichino e Eugenio Nunziata contribuiscono al confronto sui nullafacenti nella Pubblica Amministrazione.


Aggiornamento: “Verso le nuove partecipazioni statali?” di Carlo Scarpa.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!