Lavoce.info

Se il “centro delle strategie” ha troppe teste

Mentre risorge il ministero del Commercio estero, la ripartizione delle competenze tra i ministeri economici presenta alcune contraddizioni. Perché sottrarre il turismo alla funzione “sviluppo economico”? Perché il Cipe si trasferisce direttamente alla presidenza del Consiglio? Pare che la stessa presidenza voglia prendere in mano il pallino del coordinamento delle politiche economiche (e non “solo” delle politiche complessive del Governo). Ma Padoa Schioppa e Bersani saranno d’accordo?

Uno dei “pallini” storici di Romano Prodi è la necessità di creare quello che lui stesso chiamò un “centro delle strategie” per guidare lo sviluppo economico del paese, che comprenda la politica industriale nel senso tradizionale (incentivi alle imprese private, ad esempio), il comportamento delle imprese ancora sotto il controllo pubblico, la politica di penetrazione commerciale verso i mercati esteri. Il modello di riferimento è stato il famoso ministero giapponese detto Miti, che oltre a raggruppare commercio internazionale e industria, ha un potere di influenza e direzione sulle imprese che probabilmente nessun ministero italiano (per ragioni culturali, economiche e istituzionali) potrà mai avere. Ma qualche passo in questa direzione era legittimo preventivarlo. E invece, proprio sotto questo profilo, la nuova struttura del Governo è a dire poco sorprendente.

Mutamenti ministeriali

In primo luogo, si è risuscitato il ministero per il Commercio estero, che esisteva negli anni Ottanta e le cui funzioni furono poi assorbite (soprattutto) dall’allora ministero dell’Industria. Questa creazione da un lato separa la politica commerciale sia dalla dimensione più strettamente “economica” (legata quindi alle altre politiche rivolte alle imprese, gestite dall’ex ministero dell’Industria, poi ribattezzato ministero delle Attività produttive e ora ministero per lo Sviluppo economico), sia da quella politica (che sui mercati esteri è spesso fondamentale, e che avrebbe eventualmente spinto nella direzione di accorpare queste funzioni con quelle del ministero degli Affari esteri).
In secondo luogo, la attribuzione di parte delle competenze che erano del ministero dell’Economia al ministero dello Sviluppo economico e alla stessa presidenza del Consiglio fa sorgere qualche perplessità.
Da un lato, avere ricompreso tra le politiche industriali le cosiddette “politiche di coesione” prima attribuite al ministero dell’Economia non è sbagliato. La politica industriale senza questi interventi sul territorio è probabilmente un po’ monca, e – anche se nel passato il dipartimento delle politiche di sviluppo ha operato in modo attento – risultava piuttosto curiosa un’attribuzione che deve guardare al dettaglio microeconomico a un ministero che dovrebbe soprattutto provvedere alla politica macro del Governo. Anche se le preoccupazioni circa il controllo della spesa sono comprensibili.
D’altra parte però, il ruolo della presidenza del Consiglio emerge come più importante di prima, non solo come coordinatore delle politiche, ma anche come attore diretto. Il che pone una questione interessante di dialettica tra ministri e presidenza.
Resta poi aperta la questione della gestione delle partecipazioni dello Stato nelle imprese. Queste quote sono detenute dal ministero dell’Economia, anche se la commissione Attività produttive della Camera al termine della scorsa legislatura, con l’accordo tra parlamentari dei due schieramenti, aveva proposto di attribuirle all’allora ministero delle Attività produttive, il quale a sua volta aveva ripetutamente reclamato un ruolo più importante in queste imprese.
Le pretese del ministero delle Attività produttive non erano campate in aria: ad esempio, la legge che nel 1999 ha avviato la liberalizzazione del mercato elettrico (decreto legislativo 79/99, Decreto Bersani), a proposito delle azioni di Enel che fossero rimaste in mano pubblica indicava “Le azioni della società (…) sono assegnate al ministero del Tesoro, del bilancio e della programmazione economica; la medesima società si attiene agli indirizzi formulati dal ministro dell’Industria, del commercio e dell’artigianato.”. La prima di queste due azioni è avvenuta, la seconda è da sempre oggetto di contese: se l’azionista pubblico è rappresentato dal Tesoro, i rappresentanti pubblici nell’impresa rispondono al ministro che li ha nominati, e il ministro oggi detto “dello Sviluppo economico” finisce per avere un ruolo di secondo piano.
Quale sarà la gestione di queste imprese? Avremo un “centro delle strategie” che comprende anche Eni ed Enel, o queste imprese resteranno strumenti di leva finanziaria per assicurare al Tesoro entrate che non sono ufficialmente “imposte” (il che riduce le polemiche politiche) anche se hanno una natura del tutto simile?
Infine, il trasferimento delle competenze sul turismo al ministero dei Beni culturali è un altro elemento che a dir poco stupisce. Se si vuole creare un centro delle strategie per lo sviluppo produttivo del paese, come si può separare lo sviluppo industriale (e – come già ricordato – le politiche di coesione) dallo sviluppo turistico? Certo, chi lo ha fatto ha ben presente il peso immenso del turismo nella creazione del reddito nazionale, soprattutto in alcune delle regioni (il Meridione) meno sviluppate, che più saranno interessate dalle “politiche di coesione”. E allora che senso ha? L’unica interpretazione che pare sensata è che questo sia una concessione per aumentare il peso specifico del neo-ministro dei Beni culturali, a scapito però della razionalità della struttura complessiva di governo.

Dialettica presidenza-ministeri

Questa struttura ha quindi elementi di minore razionalità di quanto sarebbe stato sensato sperare. Per altro, la sensazione principale è che il ritorno alla presidenza del Consiglio di un economista non sia del tutto neutrale, in una situazione nella quale i partiti, grazie anche e soprattutto al sistema proporzionale resuscitato nella scorsa legislatura, hanno un peso maggiore di prima.
Nel recente passato, su diverse questioni (ad esempio, le privatizzazioni o la gestione delle imprese partecipate dal Tesoro) vi è stato un conflitto tra Tesoro e Industria, ovvero tra le ragioni del bilancio pubblico e quelle della competitività e della concorrenza. Ora vediamo che il Tesoro perde un po’ di potere (ma ne mantiene tanto), l’Industria (ora Sviluppo economico) diventa più importante per un verso, e meno per un altro, e la presidenza del Consiglio si attribuisce più funzioni di prima (ad esempio, la segreteria del Cipe, che non ci sembra un aspetto ornamentale).
A questo dobbiamo poi aggiungere un altro dettaglio, anche questo non banale, ovvero la nomina tra i sottosegretari alla presidenza – funzione tipicamente riservata a politici “puri” – di un altro economista, Fabio Gobbo, da sempre collaboratore di Romano Prodi. È allora facile prevedere che dal conflitto “storico” tra Tesoro e Industria si passerà a una dialettica ancora più complessa, in cui la presidenza del Consiglio intende assumere un ruolo più importante che nel passato, quando si era limitata a mediare.
Questo aumenterà i conflitti, o il peso diretto della presidenza sarà tale da risolvere eventuali contrasti alla radice? Il “centro delle strategie” sarà il ministero dello Sviluppo economico o direttamente la presidenza? La struttura del Governo purtroppo non dà indicazioni chiare.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Il fallimento del calcio senza regole*

Successivo

Mercati e legalità

  1. venturoli massimiliano

    Sono pienamente d’ accordo con i quesiti posti dall’ autore dell’ articolo. Con così tanti Ministeri si potranno compiere con celerità le riforme e i provvedimenti economici, necessari, al Bel Paese per ” rinascere “?!
    I conflitti di atribuzione, su provvedimenti ” spinosi ” come privatizzazioni o riforme del mercato del lavoro, tra i Ministeri ” spachettati ” quanto tempo faranno perdere?! Chi pagherà il ” costo ” del tempo perso?!
    Il Presidente del Consiglio riuscirà ad risolvere tutti questi conflitti tra i Ministri, durante dei Consigli dei Ministri, i cui partecitanti, saranno 25?!

    Nemmeno il ” miglior Bismark ” riuscirebbe a far lavorare, in modo coerente ed efficente, un Governo con un organigramma così complicato e conflittuale. Ed una cosa è certa Professore, Lei di sicuro ( non si offenda ), non ha nemmeno lontanamente le capacità ” equilibriste di Bismark”.
    Il Suo Governo, così formato, potrà forse ” durare ” ma, sicuramente non potrà nè governare nè riformare l’ Italia.
    Venturoli Massimiliano

  2. Laureato91

    Ebbene, le preoccupazioni dell’autore sono condivisibili. Peraltro, se il Presidente del Consiglio vuole svolgere fino in fondo il proprio ruolo, deve poterlo fare davvero. Ciascuna Amministrazione (leggi, Ministero) è – giustamente – portatrice di un proprio specifico interesse, e decodifica la realtà in base al proprio specifico punto di vista. La Presidenza del Consiglio dovrebbe dunque spogliarsi delle competenze operative per assumere un ruolo diverso. Un ruolo che preveda un coinvolgimento diretto negli indirizzi, non nella gestione; e che non la faccia dipendere “in toto” dai processi decisional-informativo-valutativi delle amministrazioni operative.
    Per inciso, è davvero “funzionale” il mancato coinvolgimento della Presidenza nel “Gruppo Faini” sui conti pubblici?
    Laureato91
    http://economiaitaliana.splinder.com

  3. Gheorghius

    Posso dissentire su alcuni punti?
    1. Il Commercio Estero non dev’essere accorpato agli Esteri (come invece suggerisci). I diplomatici già mettono bocca su tutto (con la “globalizzazione” ormai ogni questione ha una componente estera), sostituendosi di fatto agli esperti di settore invece di aiutarli più umilmente sul piano diplomatico. Questo limita la qualità di un buon governo. Il sostegno politico al commercio si può dare benissimo senza “gestire” il Ministero del Commercio, se il MAE torna al ruolo di “appoggio” agli altri ministeri nelle sedi internazionali.
    2. Mi stupisce che lamenti il rafforzamento relativo della Presidenza del Consiglio (PCM). L’abbandono del coordinamento economico della PCM nel governo Berlusconi, non in linea con la Costituzione, ha provocato molti danni. P.es.: non si può ordinare al Ministro dell’Economia di ridurre le tasse a qualsiasi costo, e poi non avere una visione complessiva su come e dove recuperare la perdita di gettito, coordinando appunto le priorità della maggioranza. Quanto al coord. del CIPE, è pur sempre un ruolo di coordinamento!
    Il MEF “dovrebbe soprattutto provvedere alla politica macro del governo”? Davvero? Io credo che dovrebbe provvedere alla politica del bilancio pubblico, che è parte rilevantissima ma non esaustiva della politica macro. Il cui coordinamento generale, invece, dovrebbe essere affidato alla PCM, assieme al MEF. Es.: i negoziati sul bilancio europeo, dove l’Italia va sempre divisa fra interessi agricoli, fiscali, e regionali. O l’affondamento del Patto di Stabilità da parte di Tremonti x far passare in Europa i conti pubblici che non tornavano: è un tipico “interesse nazionale” solo del MEF. Ma è davvero un “interesse nazionale” di tutti gli italiani? Fini si accorse che alla PCM ci voleva una cabina di regia economica: in tutto il mondo avanzato attorno al capo dell’esecutivo c’è un forte gruppo di economisti: inutile evadere il problema! Ci vuole “visione” per fare un buon governo!

    • La redazione

      caro anonimo lettore
      sul primo punto non ho mai suggerito di legare il commercio estero al ministero degli esteri. Ho solo detto che avrebbe avuto una logica (che non ho
      commentato).
      Sul secondo punto, in questo disegno vedo semplicemente l’assenza di una logica che si abbia il coraggio di perseguire fino in fondo. Si vuole rendere la presidenza del Consiglio dei Ministri il vero centro della politica economica? lo si faccia. Ma perchè allora trasferire competenze a un ministero o all’altro? si abbia il coraggio di avocare alla presidenza più funzioni. Con una scelta “a metà del guado” temo che la presidenza del Consiglio dei Ministri, entrando nell’agone delle dispute tra Ministeri, perda autorità. Si vuole avere unaPresidenza “forte” rispetto ai ministeri? beh, allora non si scelgono Padoa Schioppa e Bersani.
      Semplicemente, non vedo la logica del quadro di insieme.
      Sul terzo punto, idem come sopra. Se si riconosce che serve un “centro delle strategie” allora lo si individui. E’ il Ministero dell’economia? ok, ma allora non portiamogli via competenze. E’ il Ministero “dello sviluppo economico”? Sia. Ma allora siamo coerenti.
      Da un lato questo assetto sembra dividere “micro” e “macro” politiche (distinzione in buona parte arbitraria, ma che ha una sua logica). Dall’altro lancia invece segnali in senso opposto.
      Per fare politica ci vuole “visione”? certo. E’ esattamente quello che io lamento rispetto a questo assetto.
      O il Presidente del Consiglio prendeva in mano la cabina di regia (ma con ministri economici con minore peso politico di quelli che ha scelto), oppure doveva accettare di fare il regista di una squadra (ma allora si dovevano allocare le funzioni in modo più razionale).
      Purtroppo questa maggioranza non ha fatto nè la prima nè la seconda cosa.
      Peccato – anche se capisco bene che la politica è l’arte del possibile.
      Carlo scarpa

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén