Noi siamo quelli che sparano al vicino

Che aspettan solo la domenica del derby

Pronti a schierarci col Guelfo o il Ghibellino

In sala il busto di Uguccione de’ Monterbi.

 

Guardando indietro vedo un popolo rissoso

Appassionato a contese di cortile

Che si dirà profondamente religioso

Senza vergogna per l’ingiuria più incivile

 

In questa trama, un’unica eccezione

Con l’inclusione di tutte l’ali al centro

Della Balena Bianca la stagione

E i nostri umori a macerarsi dentro

 

Tolto quel tappo, caduto il triste muro

Con la stagione del maggioritario

Ci sentimmo moderni di sicuro

Ma sfoderammo il vecchio armamentario

 

Due mezze Italie arroccate su se stesse

L’un l’altra ostile, guardandosi in cagnesco

Pronte a emigrare, un piede sul calesse:

L’altrui vittoria ad accettar non riesco.

 

E la politica come cataclisma

Ognun si attende i barbari alle porte

Rozzezza estrema nella patria del sofisma

La vita che combatte con la morte.

 

Lo dico, ma io stesso son così,

passion politica come malattia

torcibudella, spirito maudit

col fiato corto e senza più allegria.

 

E so che mentre penso questa cosa,

di là si provan gli stessi spasmi urlati

come due specchi che rifrangon senza posa

una figura vista da due lati.

 

Come vorrei un paese più normale

Dove l’altro non ti evoca barbarie 

Dove il giorno dello spoglio elettorale

Non finisci a rischiar le coronarie.   

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!